.

.

Monday, March 3, 2008

ENI via dall'Abruzzo!

Questo e' un volantino che mi hanno inviato gli amici della Onlus Fare Verde. Grazie!
Domani so che saremo in tanti, e veramente vorrei esserci per vedere con i miei occhi il cuore e l'anima dell'Abruzzo che riprende la sua dignita'. Non dobbiamo pero' accontentarci di un anno di attesa. Alle estrazioni di petrolio dobbiamo dire no, fra un'anno, fra dieci, fra mille, ad Ortona, a Sulmona, a Teramo - in tutto l'Abruzzo. Noi siamo la regione verde, non nera d'Europa.

E' notizia di pochi giorni fa (15 Febbraio 2008) che l'ENI e' stata condannata ad una multa di sette milioni e mezzo di dollari per inquinamento ambientale in Kazakhstan, dove si estrae petrolio ricco di idrogeno solforato. Sette milioni e mezzo di dollari di multa!

Mi sa che i loro esperti ambientali di Pisa non c'hanno tanto azzeccato a farsi "li cund", che dite? Le motivazioni della multa sono per avere prodotto emissioni incontrollate di sostanze inquinanti nell'atmosfera dovute al bruciamento di gas tossici. Mmmmh, chissa' perche' suona tutto cosi' familiare...

Forza tutta domani, e niente compromessi. ENI e compari tornatevene da dove siete venuti.

Fonti: Thomson Financial News

3 comments:

wanadobee said...

ma chi li fa li cund, Andreussi e la sua banda ?

Domani sotterriamoli insieme al petrolio.

E poi un cane a sei zampe come gli e' venuto in mente? cos'e' il prodotto di una mutazione genetica dovuta all'H2S?

flora said...

SEi davvero fantastica!!!!
tutti i tuoi post sono molto interessanti, ma riflettevo, con tutti gli impegni riesci a dedicarti con così tanta passione a tutta questa vicenda!!!
sei grande, grande grande
A TE
tutta la mia stima

ABRUZZONO-TRIV said...

andreussi è nu pajacc

l'aquila stiamo arrivando....

ortona arriverà numerosa..