.

.

Monday, December 27, 2010

Agli Estensi, ai Veneti




Grazie a tutti per l'affettuosa accoglienza di ieri sera, nella vostra citta'. Sono stata contenta, e spero che il tutto sia utile. Un sentito ringraziamento a Roberto, Eva e Beatrice.

Per molti di voi sara' stata la prima volta che sentite parlare di estrazioni di idrocarburi. Personalmente, sono ormai 4 anni che combatto contro i petrolieri, in Abruzzo prima e poi piano piano in altre parti d'Italia - sono stata e conosco i petrolieri di Basilicata, Lombardia, Abruzzo, Puglia e Veneto.

Operano tutti nello stesso modo. La Aleanna Resources e i suoi compari, con a capo Ms. Anca Landwer, saranno molto carini con voi, e cercheranno di parlarvi in modo gentile per convincervi dell'utilita' del petrolio, e che "non succede niente" perche' i giacimenti sono profondi, perche' loro sono bravi e rispettosi dell'ambiente, perche' le loro tecniche sono migliori di quelle di tutti gli altri.

Non dovete crederci, non occorre cadere nelle loro trappole. Sono tutte balle. Il loro unico scopo e' quello di bucare il vostro territorio. Non gli importa niente alla Aleanna, ne di voi, ne del Veneto, nei dei campi. Per loro e' solo business. E' cosi' per tutta l'industria petrolifera.

Avrei voluto dire tante cose personali, ma non l'ho fatto per pudore. Sono venuta da voi senza ricompesi, durante le mie vacanze di Natale, ed in un posto dove non vivo. L'ho fatto solo per amore di patria, perche' quello che so e che ho imparato voglio che sia usato per il bene di questa nazione, da nord a sud e perche' non posso tollerare che texani sconosciuti vengano a deturpare l'Italia.

La Aleanna invece ha scopi ben precisi: trivellare, allargarsi, fare soldi, speculare su di voi. Non fatevi ingannare. Hanno le tasche piu' profonde di me e dei comitati locali. Non gli si deve credere e bisogna fare affidamento sulla propria intelligenza e sul proprio attaccamento al territorio.

Vi parlo da cittadino libero, loro da affaristi.

Infine, la Aleanna fa sapere proprio oggi che avrebbeero "voluto tanto" partecipare ieri sera, ma il loro materiale non era pronto. Gia' qui c'e' malafede da come la vedo io.

Come, i permessi per trivellare li prepari nel 2006, e alla gente parli nel 2011?

Sa tanto di "discorso riparatore" e per contrastare l'opera sincera di ieri sera fatta da cittadino a cittadino. Se non facevamo l'incontro ieri sera, avrebbero parlato ai cittadini? Non credo, perche' quello che i petrolieri vogliono e' la nostra ignoranza, in modo da poterci manipolare come meglio credono.

Sta a noi dirgli grazie, non ci servite qui, potete tenervi i vostri pozzi in Texas.

Petrolieri? Non crediamoci. Questo e' stato lo slogan di una campagna pubblicitaria che ho organizzato in Abruzzo, e che mi auguro sia diffuso anche in Veneto.

Alla Aleanna Resources, a Ms. Landwer: Go drill Texas and leave Italy alone!

3 comments:

Lista Civica Arcobaleno - Este said...

Salve

complimenti per la serata che ci ha regalato e per il post, che ho pubblicato sul blog della Lista Civica Arcobaleno.

Saluti

Alberto
http://listacivicaarcobaleno.blogspot.com/

Anonymous said...

Non ho avuto modo di partecipare al convegno ma, tramite i filmati postati in internet, ho seguito il Suo intervento, un semplice, chiaro e forte messaggio a fronte di una nostra ignoranza in materia.
Ho lavorato per 6 anni nell'Abruzzo forte e gentile come Lei ed ho avuto modo di apprezzare gli abruzzesi ed il loro territorio che non si merita certo la devastazione e desertificazione dell'industria petrolifera.
Da sempre ritengo che la ricerca per nuove forme di energia debba essere fatta a spese dei petrolieri che nel corso di questi decenni di sviluppo hanno introitato guadagni enormi che sono serviti (vedi il caso Moratti in Italia) a pagare i stipendi faraonici dei calciatori o a tracciare nuovi oleodotti o gasdotti quando sappiamo ch sono fonti destinate ad esaurirsi.
Mi auguro che le nuove generazioni spingano i paesi a coalizzarsi per destinare alla ricerca di nuove forme di energia ingenti capitali che ci permettano di svincolarci dal petrolio e dai petrolieri. Forse il prezzo del petrolio potrebbe essere una bella molla per spingere in tal verso anche se ho molti dubbi.
La ringrazio per il suo intervento che ha permesso a tutti di capire, cosa che in Italia non spesso succede. Aspetteremo le repliche di questi americani con delle basi di conoscenza che ci permetteranno di replicare, non abbiamo invece molta fiducia nel mondo politico che di solito ha una visione del mondo .. diciamo molto diversa dai comuni mortali.
Un caro saluto ed un abbraccio a lei e tutto l'Abruzzo.
Mario Stefanini

davide said...

mmmh,corro subito su youtube..
anche se ormai so a memoria le slide!!!;-)
ps spero che la partita dell italia non la faccia finire piu
30 a 2000!!!;-)