.

.

Tuesday, December 14, 2010

Roma in fiamme


Mi sveglio, accendo il computer, preparo i cereali con le fragole. Il latte e' freddo. Fuori c'e' nebbia. Il marine layer che sa di sale pervade il mio balcone. Le mie piante sono vive. Il compostaggio procede. Le rose stanno sbocciando. Vorrei tanto mangiare un cachi, come quando ero bambina, in campagna.

Vedo le foto. La fiducia a Berlusconi. Baci in Parlamento. Le smorfie di Bossi, di Casini. Donne incinte su sedie a rotelle. Berlusconi galletto. Un cartellone elettronico con i numeri. Berlusconi spavaldo. 206 su 206 del PD hanno votato contro la fiducia. Berlusconi sorridente.

Apro il video di Repubblica. Non puo' essere Roma. Forse e' Buenos Aires? Fiamme, piccoli roghi, ragazzi con le sciarpe palestinesi in giro per la citta'.

Chiamo la mamma. C'e' la neve a Lanciano. Le dispiace che l'Italia non abbia piu' niente da offire ai giovani. L'ha portata in centro un rumeno che l'ha presa sotto la neve. Non ha avuto paura. I am proud of you mom.

Ho un paper da scrivere prima di partire per l'Italia. Mi hanno invitato ad Este. Mi hanno invitato in Basilicata. Sono stanca. Mi hanno invitato a Sambuceto. Piantiamo un albero. Chissa' se serve a qualcosa. Continuano a chiedermi come fare per venire a studiare in America. Sento la disperazione nei loro email. Non ho tempo. Oggi ci sono gli esami. Vorrei partire, andare lontano per un po e non pensare a niente.

Mangio i cereali. Sono lontana. Il latte e' freddo, ma non ci penso piu' .

Penso a Roma che brucia. Che posso fare? Non l'ho votato io Berlusconi. Vorrei cancellare il Settembre 1979 e non essere mai stata italiana. Qualcosa mi assale. Mi dispiace vedere Roma cosi'. Mi dispiace non poter fare niente. Non e' giusto.

Non e' giusta questa sconnessione fra chi siede ai palazzi e chi sta in strada. Non e' giusta la plateale compravendita di voti, non e' giusto che di giovani, ambiente, di giustizia sociale, di integrazione vera, di futuro non se ne occupi nessuno in Italia.

Penso ai miei amici italiani di qui. Perche' solo a me e' venuto il marasma a sentire dell'Abruzzo al petrolio? Perche' loro non sentono di dover far qualcosa per l'Italia, anche da qui?

Non vedo soluzioni immediate. Manca la base. Manca il vedere a larga scala. Manca la pragmaticita'. Manca una visione. Manca la grandezza d'animo, il coraggio di fare la cosa giusta. Manca l'onesta' morale. Manca l'amore.

E' questa Roma bruciata la rivoluzione di Monicelli? Spero di no.

La gente si arrabbia adesso perche' sono rimasti senza lavoro, senza scuole decenti, senza futuro.

Ma non siamo arrivati qui per caso. Ci sono dietro anni di scelte politiche scellerate, e peggio c'e' il carattere italiano secondo cui imbrogliare va bene, se e' per una "buona causa", per aiutare chi ne ha bisogno, o perche' cosi' fan tutte.

Dai concorsi all'universita' spartiti e assegnati prima ancora di sedersi sulle sedie del quiz, fino alla parruchiera che mi chiede "ti posso fare un po di meno sullo scontrino?", dagli avvocati miliardari che pagano gli apprendisti 500 euro al mese se gli va bene, fino ad arrivare a Zio Mastella o a Zio Remo che danno un posto a tutti e non importa se e' per il bene comune o no.

Berlusconi e' solo il simbolo dell'Italianita' piu' brutta, fatta di apparire, di fumo, di furbizia, di manovrette. Quanti di noi ne sono davvero immuni?

Sei un avvocato? Pagalo per bene il tuo apprendista. Sei un industriale? Non riversare i rifiuti nel fiume. Sei uno studente? Non cercare scorciatoie, studia per davvero. Sei un dentista? Falla la ricevuta fiscale.

Si deve ripartire dalla base delle cose. Non posso fare niente. Dobbiamo tutti cambiare un pochino. Dobbiamo insegnare ai nostri figli che la cosa pubblica e' sacra, sempre. Dobbiamo renderci conto che la rivoluzione vera parte dalle nostre vite.

Intanto, Roma brucia.

27 comments:

Sammy said...

Brava Maria, even the spine of pregnant women can't act as an example to keep that man & his cronies out & act as a catalyst as a new way of life for the people of Italy. They say history repeats itself, especially when it uses fear to win battles rather than talent, in the same way of Nero I'm sure Berlusconi will be celebrating whilst Rome burns...

wanadobee said...

A Berlusconi riconosco di averci dato solo un grande insegnamento: in Italia, ogni giorno puoi comprare qualcuno.

Mi dispiace solo che gli studenti non siano riusciti ad arrivare a Montecitorio. Se lo tiravano giu' tutto non facevano un euro di danno.

La guerra civile e' sempre piu' vicina.

nonno - enio said...

@wanadobee

parli senza sapere niente della situazione italiana, noi diremmo parli solo perchè tieni la bocca. Siamo in una crisi inaudita e dobbiamo subire (ce li impone l'Europa)dei tagli alla spesa pubblica pazzeschi, abbiamo avuto un terremoto immane e una ricostruzione da fare in tempi brevissimi, basta una pioggia per creare disastri (vedi Veneto). Da qualche parte si deve tagliare equì si tagliano le spese inutili. Roma brucia, ma a farla bruciare non erano gli studenti erano quelli dei centri sociali, squadracce organizzate sempre pronte a far casino (terroristi prezzolati )distruggere e bruciare. Informati e poi PARLA prima di scrivere castronerie.Nessuno in Italia vuole la guerra civile, ma solo un vivere civile e questo non ce lo può dare ne Fini, ne Casini, e bersani... loro le elezioni le hanno perse e vorrebbero rientrare dalla finestra nella sala di comando dopo essene usciti, grazie al voto degli italiane a calci dalla porta principale.

Anonymous said...

Maria Rita, qui una tristezza infinita....

Anonymous said...

@nonno Enio...e secondo te invece chi ci sta governando è una brava persona? e tu dove ti sei informato su chi c'era a Roma? io li ho visti: erano precari, studenti e pensionati (non reazionari come te, ma anziani lungimiranti)...poi c'erano "quelli dei centri sociali"come li chiami tu e invece io direi violenti black block prezzolati sì, ma da chi? da chi i soldi li ha, cioè il potere, cioè lo stato. Dietro la protesta composta c'era il disagio di anni di soprusi; dietro la violenza ci ho visto la repressione. O forse, caro nonno, ti è difficile leggere una realtà lontana dai tuoi anni verdi. Ilaria

wanadobee said...

@nonno-enio

Parli di elezioni, chi ha vinto, chi ha perso, chi rientra dalla finestra... ma cosa vuoi che mi interessi ? Andassero tutti loro a vivere con 800 euro con moglie e figli a carico.

Mi interessa solo che l'Italia va a picco e quelli si mettono a litigare per 1 2 o 3 voti di piu' o meno. E' da prima dell'estate che questo paese e' paralizzato. Altri 7-8 mesi buttati nel cesso, come se ce lo potessimo permettere. Il tutto mentre il resto del mondo va avanti.

La generazione dei 20-30 in Italia, per la prima volta nella storia del paese, sta peggio di come stavano i loro genitori. Qualcosa non funziona e bisogna sistemare le cose, non fare le leggi su misura di una o due persone.

I tagli ? Nelle scuole manca la carta per le fotocopie, il gesso e la carta igienica, le classi vanno verso le 35 persone. La polizia non ha la benzina. Dove esattamente si tagliano le spese inutili ? Si taglia solo il necessario perche' quello si che si trova subito. Trovare lo spreco, quello e' difficile. Scovare la corruzione che blocca il paese e' il difficile. Ah gia', ma se la corruzione gli serve per mantenere il governo, come si fa a combatterla ?

Una scuola allo sfascio, lavoro precario a vita, 1 mese si, uno no l'altro forse; pensioni chissà se ci saranno, contratti in nero; stipendi da terzo mondo. La meritocrazia che non esiste. In cosa dovrebbero esattamente sperare i giovani ? Quale futuro li attende ? In queste condizioni il primo matto che arriva e gli dice andiamo a spaccare tutto, sai quanti ne trova che dicono si ? Io dico, purtroppo, tanti. E si e' visto.

Viler said...

Condivido il tuo "urlo di rabbia" delicato allo stesso tempo e preghiera per il cambiamento.
Si parla tanto di riforme, ma perchè? Dobbiamo riformare cosa? Per fare un piacere alle banche? Alle corporazioni che dettano nuovi ordini che il parlamento deve rendere legge?
Si soffre, noi giovani abbiamo contratti precari, senza una prospettiva di pensione, noi giovani siamo sotto il ricatto del familismo amorale, mi chiedo quanti hanno la capacità di respigere questa sottocultura in mano al potere politico e mediatico di questo paese che si chiama Italia? Tante domande, forse senza risposte, e se ve ne fossero mi piacerebbe conoscere i contenuti. Nel frattempo ognuno di noi è responsabile di quanto accade, soprattutti coloro che scelgono la delega, come se i delegati dovrebbero risolvere tutti i problemi di questo mondo.
Gran post Maria Rita, i miei sinceri complimenti da una terra del sud che tarda nell'alzare la testa.

nonno - enio said...

@viler

le pensioni le ha modificate Visco, sotto il governo Prodi e non c'entra niente con quello che è capitato a Roma. A Roma c'è stata una guerriglia organizzata dalla sinistra italiana per spezzare le reni alla destra che sta facendo a mio parere bene per non far fallire l'Italia come è già capitato in Grecia. Poi che i giovani sono precari e senza lavoro tu hai ragione ma è colpa delle imprese che preferiscono chiudere e andarsene all'estero dove appunto la manodopera costa meno. Guarda Marchionne(FIAT) che ha disdetto il contratto nazionale e vuol fare accettare il contratto così come lo ha fatto accettare in America. Alla Crisler, un giovane prende esattamente la metà dello stipendio di un operaio anziano e li l'assicurazione pensionistica deve farsela lui... Oggi in Italia siamo allo sfascio perchè il debito pubblico sale ed ormai è inarrestabile, pur essendo l'Italia il terzo paese al mondo per pesantezza di tasse pagate.
Non è cambiando governo che si risolvono le cose ma governando. Stanno chiudendo gli ospedali piccoli e gli areoporti che non fanno un certo numero di volo ritenendoli passivi. Dappertutto ci sono i tagli e ci dicono che sono necessari, quindi se andassero su i Bersani, Casini, e company sarebbe lo stesso se non peggio. Noi i "comunisti" li conosciamo sopratutto quelli italiani.

Giuseppe Mastrodomenico said...

L'attuale classe dirigente è rappresentata dalla generazione del '68 che si è laureata senza studiare, ha preso i migliori posti di comando, creati durante il "miracolo economico" degli anni '50 ed ora non li sposti più. Sono ignoranti e quindi pericolosi. L'Italia di oggi è lo specchio della loro ignoranza: si trasmettono i reality al posto dei documentari, paragonano il salvataggio dei mineros cileni all'uscita di quei beoni del GF, abbiamo Renzo Bossi in consiglio regionale e le puttane in parlamento. Le cose però cambieranno. Io sono convinto che la nostra generazione riporterà l'Italia ad essere un Belpaese. Siamo una generazione più istruita e più sacrificata, non commetteremo gli errori dei nostri padri.

giacinto2000 said...

chi dice castronerie e fesserie e' il nonnetto Enio. Sei uno di quelli che si fa lobotomizzare da Studio Aperto, tgminzolini e fede vari. Magari negherai ma le tue parole ti fanno sgamare. Ma quali centri sociali, ma per piacere, solo dall'universita' di Chieti sono arrivati 4 pullmann carichi di studenti incazzati neri.Da Milano 12 pullmann dell'universita' Bicocca e Statale. Quindi non lasciare in giro le bugie facendo da cassa di risonanza alla disinformazione dilagante.che schifo.

nonno - enio said...

@giacinto 2000

io non contesto la manifestazione in se stessa che è sacrosanta in ogni circostanza se non si è daccordo con qualcosa che un governo fa, ma la violenza che non è dello studente universitario che ragiona, ma solo di una piccola minoranza che usa gli stessi mezzi del tifo da stadio per attaccare poliziotti che fanno il loro dovere, perchè mandati lì a difendere il Parlamento, cioè la democrazia. Quelli di roma che hanno incendiato e terrorizzato i turisti e i negozianti io li chiamo DELINQUENTI.

Anonymous said...

Purtroppo alla televisione ci fanno vedere solo quello che secondo loro fà notizia,
cioè negli ultimi vent'anni la televisione è passata dalla cultura e moralità al puro commercialismo.
Non esistono più trasmissioni culturali passate in ora di punta su canali importanti, non esistono più notizie passate a livello nazionale che non possano in qualche modo fare odiens, i giornalisti hanno studiato molto per poi osservare solo la commerciabilità del loro servizio, per questo non bisogna piu fidarsi dei telegiornali,
l'unico che vedo è fuori dal coro è il tg di LA7.
Tempo a dietro passavo tutti i canali e sento la stessa notizia detta allo stesso modo fino a che sento la stessa notizia su LA7 e scopro una voce obiettiva e diversa dal resto.
Questa è l'italia di oggi,
ci imboccano quello che vogliono e mi dispiace per ennio ma destra o sinistra è la stessissima cosa,
non è berlusconi che risolleverà la sorte dell'italia perchè ha avuto 15 anni per farlo ed è solo peggiorata,
ha levato da una parte e messo dall'altra, dove gli conveniva, ha fatto così per 15 anni ed ora siamo agli sgoccioli,
hai provato mai a parlare con i giovani in cerca di lavoro?
sai quante volte ho sentito dire che l'unica solizione oggi è andare all'estero?
Non è certo colpa della sinistra se l'italia è così, è del siistema italia che non è mai cambiato da più di tent'anni ad oggi, è colpa di chi ha avuto modo di governare ed ha pensato solo sulle leggi ad personam.
C'era un finanziere che nella guerriglia di roma ha impugnato la sua pistola perchè aggredito da più persone e gli avevano rubato le manette ed altro,
ha giustamente impugnato la pistola per evitare che le venisse rubata ed ora è processato,
mentre i ragazzi fermati domenica ora già stanno a casa, per questo finanziere ci sarà un processo duro, questa è l'italia di oggi e la firma è di chi ha governato negli ultimi 15 anni pensando solo alle proprie leggi e a costruirsi un movimento politico fatto da zerbini e belle donne.

L'ultima ribattuta sulla fiat di marchionno,
io tutta questa colpa a marchionno non la do.
Si è creato un circolo virtuoso in europa in cui chi ha il prezzo più basso lavora anche se si trova in cina e non ci si puo permettere più di investire in articoli che costano piu del minimo, due sono le alternative, o investire nei paesi più poveri o sottopagare gli operai italiani, entrambe le soluzioni sono pessime.
Questa situazione però non l'ha creata marchionne ma i politici europei, chi è andato a bruxelles per firmare lo zuccheraggio dei vini e i nostri contadini oggi non escono più fuori con i guadagni e non sanno che fare con il vino che gli avanza, la colpa è di chi ha voluto aprire le porte alla cina l'india, allargare l'europa dell'est permettendo di paragonare paesi con crisi e miseria ben più grossa della grecia il portogallo e l'italia.
La situazione globale è critica e non è colpa nè della sinistra nè di fini, è il sistema marcio della globalizzazione, Però quando si sono riuniti i vertici mondiali nei Q10 Q 8 ecc. berlusconi era sempre presente,
era lì per dire qualcosa ma non lo ha fatto per l'italia.
chi coamanda oggi non ha mosso un dito per cambiare la tendenza o uscire da lcoro.
Vent'anni fà se compravi una macchina giapponese o koreana pagavi il 32% di sdognamento, oggi loro prendono gli incentivi statali sulla rottamazione delle macchine e le fabbriche italiane conme l'alfa romeo no.
Questa è l'italia di oggi, paradossale sempre più e a tutti i livelli.


Nicola.

Fabrizio said...

@ Nonno-Enio
Giusto, però devi sapere che anche quelli che dichiarano di pulirsi il c... con la bandiera italiana o che, da "giovani" hanno lanciato bottiglie incendiarie contro edifici di istituzioni pubbliche o che hanno fatto resistenza a pubblico ufficiale in occasione di manifestazioni o che hanno istigato all'evasione fiscale ed hanno patteggiato pene per corruzione o che sono stati condannati in via definitiva per mafia o che hanno concorso in banda armata o che hanno gestito finanziamenti illeciti, dovrebbero essere chiamati "DELINQUENTI".
Invece, hanno poltrone nel governo, nel parlamento e in altri posti di comando...
Non ci credi? Vuoi qualche nome?
Bossi, Alemanno, Maroni, Berlusconi, Scaroni, Cuffaro, Dell'Utri, Biondi, Borghezio, Carra, Pomicino, D'Elia e tanti altri.
Come ci sono andati a finire in quei posti? E perché ci rimangono e continuano a delinquere?
Io conosco bene il motivo ma ti sarei grato se lo potessi dire tu...

nonno - enio said...

@Fabrizio

il problema non lo risolviamo ne io e ne te che mi fai un elenco di nomi in cui io riconosco i più importanti. Tu mi dici che sono mafiosi e delinquenti ma non mi risulta che siano stati condannati o arrestati o abbiano fatto neanche un giorno di carcere. In Italia fino a prova contraria si è innocenti o si ha la presunzione di innocenza fintanto che non si viene condannato. Gli studenti che io apprezzavo per la loro protesta adesso mi lasciano perplesso perchè non prendono le distanze da quei DELINQUENTI che in ogni manifestazione fanno danni. Questo non dissociarsi li rende colpevoli come quelli che hanno dato fuoco e hanno aggredito le forze di polizia. Se non c'è scappato il morto lo si deve solo all'onestà dei nostri poliziotti.

Anonymous said...

grazie,Fabrizio.Aspetto con ansia rispotta da nonno

Fabrizio said...

Ok, allora visto che tiri in ballo la presunzione di innocenza e che ti nascondi dietro un comodo "non mi risulta che siano stati...", ecco alcuni fatti:

Gianni Alemmano: 8 mesi di carcere nel 1982 per il lancio della molotov contro ambasciata sovietica. Arrestato per violenza a pubblico ufficiale nel 1989. Ha partecipato nel 1981, con il movimento fronte della gioventùm all'aggressione di uno studente.

Umberto Bossi: ha riconosciuto la colpevolezza patteggiando nel processo per finanziamenti illeciti Montedison. Restituiti 200 milioni di lire. Condannato in via definitiva a 8 mesi di carcere. Mai scontati grazie alla mancata autorizzazione a procedere della Camera. Condannato a 1 anno e 4 mesi in via definitiva per vilipendio alla bandiera. Anche qui la Camera ha negato l'autorizzazione a procedere. Poi la consulta ha respinto la delibera di insindacabilità parlamentare ma, nel frattempo, il governo, nel 2006, aveva modificato la legge per il reato di opinione. E quindi è stato condannato a pagare solo 3000 euro di multa.

Roberto Maroni: condannato in primo grado a 1 anno e 8 mesi per resistenza a pubblico ufficiale. La Corte di appello ridusse la condanna a 4 mesi. La cassazione ha commutato con pena pecuniare di 5000 euro. Imputato come ex capo delle camicie verdi, insieme al altri 44 leghisti, con le accuse di attentato contro la Costituzione e l’integrità dello Stato e creazione di struttura paramilitare fuorilegge. i reati sono stati abrogati dai governi di centrodestra nel 2009 e 2010.

Paolo Scaroni: nel 1996 patteggia la pena di 1 anno e 4 mesi (sotto la soglia di carcerazione) per tangenti sull'affare della centrale di Brindisi.

Mario Borghezio: violenza privata su minore per aver tatuato il braccio ad un clandestino. Multa 750mila lire. Condannato in via definitiva a 3 mesi di reclusione per aver appiccato incendi ai pagliericci di immigrati. Convertita in pena pecuniara di 3000 euro. Nel 2008, la polizia tedesca lo ha allontato per manifestazioni razziste e disturbo in manifestazione pubblica.

Devo continuare? Vuoi vedere un elenco lunghissimo?

In parole molto semplici, vorrei farti capire che:
1) non c'è peggior sordo e cieco di chi non vuole sentire e vedere.
2) Una volta che le leggi sono fatte dagli stessi delinquenti che le usano e modificano a proprio piacimento, la democrazia è finita.
3) Fino a che il popolo avvalora certi atteggiamenti, per pigrizia o per opportunismo, ed anzi, fino a che la gente sarà disposta a scavalcare il senso civico e democratico per ragioni personali, cammineremo verso il baratro.
4) A criticare i politici siamo buoni tutti ma, al momento dei fatti e cioè, al momento di pagare le tasse, fare le ricevute, impegnarsi al lavoro, non accettare e fare raccomandazioni, rispettare l'ambiente, ecc. ecc. quanti di noi si comportano legalmente o in modo eticamente corretto?

E per finire, per favore, non mi parlare dell'onestà dei poliziotti. Almeno, non in senso generale. Per carità, molti svolgono in maniera esemplare il proprio dovere. Ma ce ne sono tantissimi altri che rappresentano benissimo il lassismo, la corruzione e la violenza. Del resto, quando a capo del Ministero dell'Interno c'è un condannato in via definitiva, non si può dire che ricevano un buon esempio.

nonno - enio said...

@Fabrizio

.....Sono le ombre sinistre del nostro vero nemico: l’ignoranza. Le avanguardie del sapere oggi imbracciano la spranga, lo scudo griffato con i nomi dei poeti che non hanno mai letto, hanno occhi iniettati d’odio a prescindere per un nemico che in realtà è la proiezione macabra del loro vuoto interiore, sono figli peggiori dei padri che forse avevano letto qualche libro ma che non hanno insegnato loro un bel niente, sono degni allievi di professori per dinastia ricevuta e assegno mensile incassato senza aver mai lavorato. Questa marmaglia è coccolata dai giornaloni, dagli opinion maker del Progresso, da una sinistra allo sbando, dagli Illuminati con i neuroni spenti, da quelli che non hanno fatto la rivoluzione ieri e ne parlano oggi mentre sorseggiano il barolo di fronte al camino e sospirano contro la dittatura del Cavaliere nero. Sono i veri rentiers del nostro tempo, scrocconi che non pagano mai dazio. Alle spalle dei desperados che indossano il casco mimetico al posto del cervello c’è una classe di chierici e vigliacchi che sogna la presa della Bastiglia, sale in terrazza e gorgheggia il motto solito: «Armatevi e partite». Non andranno lontano, ma prima di essere fermati, prima che qualcuno apra gli occhi, provocheranno ancora qualche lutto e disastro.ECCO PERCHE' NOI NON VOTEREMO MAI PD.

nonno - enio said...

Tutti fuori. Babbo Natale è già arrivato. I bravi ragazzi che hanno distrutto il centro di Roma, quelli che ci hanno regalato una ricevuta da 20 milioni di euro, non passano neppure 24 ore in gattabuia. Tornano a casa. Troveranno mamma e papà, immagino le severe ramanzine dei genitori ai loro bambini: «Non lo fare più o ti levo la PlayStation!». «Torna a casa presto d’ora in poi altrimenti la paghetta non la trovi al solito posto!». «Massì, figlio mio, hai fatto bene, anche io alla tua età ero un rivoluzionario...». Triste è il Paese senza legge e ordine. Senza speranza è lo Stato che ha codici da Azzeccagarbugli, magistrati che applicano le norme a senso unico, intellettuali e giornali d’accompagnamento che trattano le giovani leve dello sfascio con una malcelata ammirazione, con il tono del «non farlo più brutto cattivello». Li hanno carezzati come gattini indifesi e invece sono quelli che stavano per linciare un finanziere e cercavano di strappargli di mano la pistola per fare chissà cos’altro. Gli «studenti» che vedete all’opera nelle foto che in esclusiva pubblichiamo in prima pagina per me sono delinquenti. E come tali dovevano essere assicurati alla giustizia e puniti. Invece no, trascorrono il Natale con i tuoi, il Capodanno con chi vuoi, la Pasqua in giro per il mondo (con i soldi di papà) e il resto dell’anno si trastullano a picchiare chi non la pensa come loro e mettere a ferro e fuoco la Città Eterna.Rispettiamo le decisioni della magistratura, ma in questo caso dobbiamo criticare un sistema che consente l’impunità di questi teppisti. Se picchiare le forze dell’ordine è un atto per cui non vale la pena di trascorrere qualche giorno in cella, allora siamo alla frutta. Congelata. Se gettare nel caos la Capitale non è un comportamento da punire, allora siamo agli sgoccioli. Il legislatore deve mettere mano a questo ginepraio di norme, inasprirle, fissare alcuni paletti in una zona che sta diventando una letale anarchia, un campo di battaglia permanente dove per miracolo non c’è ancora scappato il morto.

maria rita said...

@nonno-enio

si, e' vero, e' triste un paese senza regole.

ancora di piu' lo e' un paese in cui le regole sono scritte da e per una sola persona, in cui sono confermate grazie alla compravendita di politici, in cui il consenso per quelle regole arriva tramite la tv di suo possesso.

la violenza e' male. e' chi governa che deve essere assolutamente onesto, trasparente, ed agire per il bene comune in modo da evitarla.

tutte le rivoluzioni, piu o meno violente, sono state delle reazioni popolari a un modo di governare insostenibile. nessuno ha voglia di violenza, io credo, occorre chiedersi: perche'?

la mia risposta e' che mentre chi governa ne fa una sporca dopo l'altra, la gente vera non arriva a fine del mese.

in un clima cosi' basta niente a infiammare gli animi. la gente non ne puo' piu'.

se berlusconi fosse stato onesto, si sarebbe ritirato a vita privata da molto molto tempo.

nonno - enio said...

@maria-rita

io non giudicavo il governo, un governo che diversi milioni di elettori si è scelto, io giudicavo i fatti inqualificabili, ingiustificabili e inauditi verificatisi a Roma. Poi tu losai come diciamo in Abruzzo, ognuno ha il governo che si merita e io in democrazia, conosco un solo modo per ribaltarlo: votandogli contro. Non vado giù in strada a spaccare la faccia al primo poliziotto che passa o al primo vigile che mi mette una multa. Lui fa il suo dovere e qualcuno ce lo ha mandato!

Comunque mi scuso per i post , che magari potrebbero sembrare non in linea con lo spirito del Blog, ma io la penso così e argomento le mie convinzioni.

Fabrizio said...

Nonno Enio, hai ragione.
Non solo i violenti non passano qualche giorno in prigione ma addirittura non vanno in cella nemmeno quelli che armano i violenti.
Togliendogli la possibilità di avere una cultura ed una educazione e, addirittura, dando l'esempio che si può tranquillamente rubare e violentare lo STATO senza avere il minimo problema. Dando l'esempio che ci si può tranquillamente sollazzare con escort e con soldi pubblici utilizzati per fini privati. Ed anzi, mettendo nei posti di governo proprio le compagne di letto, di P2 o di amministrazione aziendale.
Non vanno in cella (anzi, vanno al governo) nemmeno quelli che, con attività mafiose, evadono, corrompono ed ammazzano i giudici.

Dici che il legislatore deve mettere fine al ginepraio di norme, ecc. ecc. Ma sai chi è che fa le leggi in Italia? Ti immagini forse che sia qualche divinità sovrannaturale che compila decreti, atti, emendamenti?
Sveglia... Le leggi sono fatte proprio da quelle persone che hanno interesse a formularle ad personam oppure a non rispettarle o aggirarle con cavilli e, se necessario, altre leggi.

Hai ragione ad arrabbiarti con quelli che ci hanno fatto il danno da 20 milioni di euro. E a quelli che ci hanno regalato il debito pubblico attuale? A quelli che hanno promesso meno tasse ed invece le hanno aumentate? A quelli che hanno fanfaronato milioni di posti di lavoro ed invece fanno inciuci offshore?
A quelli che hanno piazzato in parlamento e governo, ignoranti, puttane, puttanieri, drogati e mafiosi?

Pensi che a tutti questi invece dobbiamo essere grati? O dobbiamo metterci proni per esaudire sempre i loro desideri?

Tu non giudichi il governo, scelto da milioni di elettori... Ma sei sicuro di questo? Sei sicuro che veramente il governo è stato scelto dai elettori?
Scusami, ma se pensi questo, allora forse voti in qualche altra nazione.
Tutt'al più, potrei concederti che i deputati in parlamento siano stati scelti da milioni di elettori. Ma, grazie alla legge elettorale, non è vero nemmeno questo.

Dici: ognuno ha il governo che si merita (verissimo) e che in democrazia si può votare per ribaltarlo. Vero anche questo. Ma non ti sembra che la democrazia venga manipolata ogni giorno? E che si fa di tutto per disinformare o informare ed educare in modo pilotato? E la chiami ancora democrazia quando in parlamento ci si vende e si compra il voto?

Ha detto bene Maria Rita.
La gente non ne può più.
Ma io aggiungo che, personalmente, non ne posso più di quelli che, di fronte al degrado morale, civile e istituzionale, rispondono con etichette di partito: "io voto PX, quelli sono del partito XY, i corrotti sono tutti del partito PZ, ecc"
E sono convinto che, tutti quelli che si riparano sotto una bandiera di partito o sputano veleno addosso a un'altra, in realtà - se avessero occasione - farebbero lo stesso i corrotti/corruttori.

Anonymous said...

Devo ringraziare l'intervento di nonno ennio che ci stà dando la possibilità di capire e parlare e confrontare persone con ideologie diverse.

Vorrei solo dare dei fatti concreti e non di parte,
1 la destra spesso quando viene contrastata da del comunista, ma l'italia fino a pochi anni fa è stata governata sempre da un governo di centro e pochissimo spazio è stato dato alla sinistra che però poteva replicare e denunciare le cose non in regola, ora questo non si può piùe addirittura è un male essere di sinistra, ammesso che chi replica lo sia io ad esempio non lo sono mai stato, maria rita nemmeno.

2 ) se domenica sono scesi in piazza a roma è perchè c'è una lamentela dei giovani in generale, partiti in flotte da tutte le università perchè non hanno più un'avvenire, non per mettere a fuoco roma. pensate se scendevano in campo pure i cassintegrati che tra poco finiranno la casseintegrazione, credete che solo i giovani dei centri sociali avrebbero violenza?

eppure si accusa i centri sociali ( perchè di sinistra ) e basta, come potresti definirla democrazia questa ?

3) E' incredibile che il finanziere abbia un processo duro e severo perchè impugnava la sua arma al fine di non farsela rubare e invece i teppisti processati subito e rilasciati.
Ogni giorno rubano e non solo ma spesso le forze dell'ordine non vengono, non sono lassisti perchè hanno paura di sporcarsi,
non è colpa loro se dovrebbero farsi in quattro per prendere persone che poi tornano liberi dopo due giorni e magari a minacciarli o a schernili,
non è colpa loro se poi al minimo problema le forze dell'ordine finiscono sotto accusa e i delinquenti tornano subito a casa.
quindici anni fa tutto questo non sucedeva, quindi se non è colpa dell'attuale governo di chi è la colpa?
chi ha fatto tutto questo?
la vecchia democrazia cristiana?
grazie ennio di aver lanciato il problema ma ti consiglierei di non leggere o vedere telegiornali di parte, oggi ti fanno solo il lavaggio del cervello, ti fanno vedere solo quello che vogliono e in tanto le cose peggiorano ancora, tanto la destra che la sinistra, la politica di oggi è basata sul vecchio stampo di chi magnava e basta,
solo che una volta c'era più moralità e più soldi,
ora che invece dobbiamo pagare il conto con i debiti fatti e ogni uno pensa solo per se e fanno pure i moralisti.
Evitiamo di guardare con gli occhi dei miopi perch il futuro dell'italia è il nostro futuro e colre politico che si voglia noi ne pagheremo le spese,

nicola.

Anonymous said...

Devo ringraziare l'intervento di nonno ennio che ci stà dando la possibilità di capire e parlare e confrontare persone con ideologie diverse.

Vorrei solo dare dei fatti concreti e non di parte,
1 la destra spesso quando viene contrastata da del comunista, ma l'italia fino a pochi anni fa è stata governata sempre da un governo di centro e pochissimo spazio è stato dato alla sinistra che però poteva replicare e denunciare le cose non in regola, ora questo non si può piùe addirittura è un male essere di sinistra, ammesso che chi replica lo sia io ad esempio non lo sono mai stato, maria rita nemmeno.

2 ) se domenica sono scesi in piazza a roma è perchè c'è una lamentela dei giovani in generale, partiti in flotte da tutte le università perchè non hanno più un'avvenire, non per mettere a fuoco roma. pensate se scendevano in campo pure i cassintegrati che tra poco finiranno la casseintegrazione, credete che solo i giovani dei centri sociali avrebbero violenza?

eppure si accusa i centri sociali ( perchè di sinistra ) e basta, come potresti definirla democrazia questa ?

3) E' incredibile che il finanziere abbia un processo duro e severo perchè impugnava la sua arma al fine di non farsela rubare e invece i teppisti processati subito e rilasciati.
Ogni giorno rubano e non solo ma spesso le forze dell'ordine non vengono, non sono lassisti perchè hanno paura di sporcarsi,
non è colpa loro se dovrebbero farsi in quattro per prendere persone che poi tornano liberi dopo due giorni e magari a minacciarli o a schernili,
non è colpa loro se poi al minimo problema le forze dell'ordine finiscono sotto accusa e i delinquenti tornano subito a casa.
quindici anni fa tutto questo non sucedeva, quindi se non è colpa dell'attuale governo di chi è la colpa?
chi ha fatto tutto questo?
la vecchia democrazia cristiana?
grazie ennio di aver lanciato il problema ma ti consiglierei di non leggere o vedere telegiornali di parte, oggi ti fanno solo il lavaggio del cervello, ti fanno vedere solo quello che vogliono e in tanto le cose peggiorano ancora, tanto la destra che la sinistra, la politica di oggi è basata sul vecchio stampo di chi magnava e basta,
solo che una volta c'era più moralità e più soldi,
ora che invece dobbiamo pagare il conto con i debiti fatti e ogni uno pensa solo per se e fanno pure i moralisti.

nicola.

Anonymous said...

Devo ringraziare l'intervento di nonno ennio che ci stà dando la possibilità di capire e parlare e confrontare persone con ideologie diverse.

Vorrei solo dare dei fatti concreti e non di parte,
1 la destra spesso quando viene contrastata da del comunista, ma l'italia fino a pochi anni fa è stata governata sempre da un governo di centro e pochissimo spazio è stato dato alla sinistra che però poteva replicare e denunciare le cose non in regola, ora questo non si può piùe addirittura è un male essere di sinistra, ammesso che chi replica lo sia io ad esempio non lo sono mai stato, maria rita nemmeno.

2 ) se domenica sono scesi in piazza a roma è perchè c'è una lamentela dei giovani in generale, partiti in flotte da tutte le università perchè non hanno più un'avvenire, non per mettere a fuoco roma. pensate se scendevano in campo pure i cassintegrati che tra poco finiranno la casseintegrazione, credete che solo i giovani dei centri sociali avrebbero violenza?

eppure si accusa i centri sociali ( perchè di sinistra ) e basta, come potresti definirla democrazia questa ?

3) E' incredibile che il finanziere abbia un processo duro e severo perchè impugnava la sua arma al fine di non farsela rubare e invece i teppisti processati subito e rilasciati.
Ogni giorno rubano e non solo ma spesso le forze dell'ordine non vengono, non sono lassisti perchè hanno paura di sporcarsi,
non è colpa loro se dovrebbero farsi in quattro per prendere persone che poi tornano liberi dopo due giorni e magari a minacciarli o a schernili,
non è colpa loro se poi al minimo problema le forze dell'ordine finiscono sotto accusa e i delinquenti tornano subito a casa.
quindici anni fa tutto questo non sucedeva, quindi se non è colpa dell'attuale governo di chi è la colpa?
.
nicola.

Anonymous said...

chi ha fatto tutto questo?
la vecchia democrazia cristiana?
grazie ennio di aver lanciato il problema ma ti consiglierei di non leggere o vedere telegiornali di parte, oggi ti fanno solo il lavaggio del cervello, ti fanno vedere solo quello che vogliono e in tanto le cose peggiorano ancora, tanto la destra che la sinistra, la politica di oggi è basata sul vecchio stampo di chi magnava e basta,
solo che una volta c'era più moralità e più soldi,
ora che invece dobbiamo pagare il conto con i debiti fatti e ogni uno pensa solo per se e fanno pure i moralisti.
Evitiamo di guardare con gli occhi dei miopi perch il futuro dell'italia è il nostro futuro e colre politico che si voglia noi ne pagheremo le spese,
il buon silvio sembra addirttura che si stia tenendo buono gheddafi per un'eventuale fuga dall'italia ,
fonti wyky leaks,
noi però quì ci resteremo e non avremo pi modo di sfamarci e sopravvivre, tifosi di destra o sinistra il male sarà soltanto nostro.
nicola.

LUIGI said...

Centri sociali!?! ma non sarebbe più semplice dire che i black block sono alieni sbarcati dal pianeta Papalla? magari qualcuno ci crede. Ai centri sociali pieni di facinorosi violenti ci può credere solo un nonnetto che prende per buone le cavolate della TV. Dove l'ha mai visto un centro sociale? ce ne sta uno a Filippone vada un po' a vedere quanti comunisti ci stanno dentro a giocare a briscola. O viene direttamente da là anche nonno-enio?

Luigi

giacinto2000 said...

Nonnetto Enio tu sei un giustizialista che magari non sa che invece i vari ministri che incitano all'odio come Gasparri,Maroni,Bossi e Larussa sono stati condanati per risse,banda armata e resistenza. A te non te ne frega niente di sapere perche' gli studenti sono incazzati, tu della riforma Gelmini non sai una emerita mazza, tu sei come il centrodestra italiano che vuole controllare politicamente la magistratura e che crede che i giudici siano comunisti (quando fra i migliori amici di Berlusconi c'e' un certo Putin.......), tu non conosci minimanete i concetti di cui parli (ma almeno lo sai che significa anarchia?), tu sputi veleno rabbioso perche' hai visto le immagini del 14 Dicembre, ma non sai neanche che gli studenti hanno fatto almeno altre 5 manifestazioni nazionali, tu sei un disinformato che si fa abbindolare ed e' per colpa di gente come te che ci ritroviamo certa gente come la LEga al governo.
Tu sei un fascista puro e semplice.