.

.

Thursday, June 26, 2008

La risposta dell'arcivescovo


Pubblico qui la risposta che mi diede l'arcivescovo Valentinetti dopo il mio email dell'8 Maggio. Ricordo che l'email era indirizzato oltre che a lui anche a Forte e a Ghidelli, arcivescovi di Chieti/Vasto e di Lanciano/Ortona, rispettivamente. Valentinetti invece e' l'arcivescovo di Pescara/Penne. Ghidelli e Forte non hanno risposto. Ecco cosa mi ha scritto Valentinetti:


Gentile dottoressa.
Ho appena letto la sua lettera molto sincera e schietta e per questa mattina mi sono dispensato dalla meditazione, visto che le sue affermazioni fanno molto riflettere. Le dico sinceramente comunque che la riflessione su questo argomento e su temi similari a quello da lei esposto mi accompagnano in continuazione. Chi le risponde sa molto bene quali sono i rischi e i pericoli di una raffineria petrolifera a ridosso della costa abruzzese e di tutti gli altri pericoli dovuti all'inquinamento in generale e a quello delle falde acquifere, problema molto scottante qui a Pescara.

Ma andiamo con ordine nel chiarire lo stato della questione a proposito di una presa di posizione dei vescovi dell'Abruzzo-Moliise. Nell'utima riunione della nostra conferenza episcopale avevamo deciso una dichiarazione comune. Lo stesso giorno e' uscita la notizia che la regione Abruzzo aveva bloccato, fino ad anno nuovo 2009, la decisione definitiva per la realizzazione dell'impianto, che doveva comunque essere riconsiderato. Pertanto, dopo rapida consultazione abbiamo deciso di aspettare nel dire la nostra parola che in quel momento sarebbe caduta praticamente nel vuoto.

Siamo gia' pronti ad uscire con una dichiarazione pubblica nel momento in cui questa decisione dovesse essere rimessa in discussione con la conseguenza di riprendere il
progetto della costruzione dell'impianto in contrada Feudo di Ortona. Vorremmo uscire con modalita' ben precise, in modo da essere efficaci incisivi e perche' no anche un tantino profetici (spero che questo lei ce lo vorra' ancora concedere, data la schiettezza della sua lettera). Se Lei ha notizie diverse a questo proposito, me lo faccia sapere e affronteremo la situazione, tra le tante altre di cui di solito ci occupiamo.

Per quanto riguarda la chiazza di petrolio a largo di Ortona - San Vito, non so da che cosa possa dipendere, del resto il porto di Ortona da decenni ospita lo scarico di derivati del petrolio a causa del deposito costiero dell'AGIP. Non mi risulta ad oggi che siano iniziati lavori per l'estrazione e la raffineria in contrada Feudo. Il Dott.Tanino Basti, direttore generale dell'ARTA, agenzia regionale per la verifica dell'ambiente, da me chiamato per avere notizie in merito a questa questione, mi tiene continuamente aggiornato sugli sviluppi della situazione. Comunque, ripeto se lei ha altre notizie sono ben lieto di conoscerle.

Concludo sperando di averle dato le notizie che desiderava, riconfermando la disponibilita' ad un intervento al momento giusto e chiedendo il dono di un po' di credito a noi poveri vescovi, che portiamo la carretta ed il peso della responsabilit? delle nostre comunita' locali. Su questo tema faremo il possibile ma spetta anche a laici maturi e seri come lei mobilitarsi per dire una parola non solo da un punto di vista scientifico e di salute pubblica ma anche da un punta di vista di salvaguardia del creato, in nome della fede. Lei l'ha fatto e la ringrazio, la comunita' cristiana purtroppo su questi e su altri temi e' un po lenta. Sono fiducioso pero' che qualcosa di positivo possa nascere e crescere.

Con il mio augurio e la mia benedizione. + Tommaso Valentinetti Arcivescovo di Pescara - Penne

14 comments:

demone said...

"....la comunita' cristiana purtroppo su questi e su altri temi e' un po lenta...".
anche le pecore in gregge sono lente a volte, Eminenza. Soprattutto se il pastore, direttamente o con i suoi cani, cerca di rallentarne il passo. …
Ti segnalo, Dottoressa, se già non l'ho sai, la vomitevole iniziativa di ConfENIndustria regionale che vuole dire grazie alla Regione Abruzzo «che ha dimostrato nel corso degli anni di essere un modello per le politiche ambientali, territoriali ed energetiche».Lo farà sabato notte, con un omaggio alla Natura, uno "show ambientalista" per spiegare ai cittadini il valore importantissimo dell'ecologia. Alla magica notte è prevista la presenza di reduci dei programmi di Maria De Filippi e del Grande Fratello che interverranno alle "lezioni di spinning", come scritto nel programma, o a selezioni di Miss qualcosa e balli caraibici. Previsto anche il concerto di Caparezza, clown e prestigiatori. Roba da pazzi!!!!
Forse Sua Eminenza Valentineti dovrebbe dire qualcosa circa queste “lodevoli ed educative” iniziative. Dopo l’ora delle bugie , quella della (fallita) delegittimazione, si avvicina l’ora del “panem et circenses”. Coscie e veline sono l’estremo tentativo di “abbagliare” le masse da parte di questi disperati, la nostra grande forza rimane la legge regionale da difendere a ogni costo, per ora. Poi tornerà di nuovo il momento di combattere. Se sei in Italia ad Agosto avrei da proporti un’iniziativa…

Anonymous said...

Si Demone, fra qualche giorno Maria Rita tornerà ( non vediamo l'ora ) dopo averti risposto di pdn Ti riconfermo la nostra determinazione; CI FERMEREMO SOLO QUANDO SAPREMO PER CERTO CHE SIAMO AL SICURO !!!
INoltre vorrei dirti che più che la l.r. 2/2008 dobbiamo, a mio modesto avviso, stare attentissimi sul P.R.G. che potrebbe modificare sostanzialmente la l.r. 18/1983 che come sai benissimo all'art. 68, soprattutto dopo la legge del 4 marzo pone un muro in cls.
A presto, SinceraMente.
Un saluto a Te Maria Rita, come puoi ben vedere Ti aspettiamo a braccia aperte così come aspettiamo un appuntamento importantissimo con la giustizia:
IL 9 P.V. SI DOVRA' PRONUNCIARE IL T.A.R., NON SCORDIAMOCELO !!!!!

maria rita said...

Demone, sono in Italia dal 10 al 29 luglio. Scrivimi dorsogna chiocciola math punto ucla punto edu.

Ho un po leggiucchiato su PDN stamattina di questa storia del fatto che l'abruzzo e' un esempio di politiche ambientali. Ma dove? Ma quando?

Non avevo letto pero' di tutti questi contorni di vallette-defilippi-grandefratello (ma dove siamo arrivati!!!!).

wanadobee said...

Maria De Filippi a parlare id ambiente in nome dell'Ambiente, sponsorizzati pure dalla regione ?

Ricacciate la De Filippi e quelli della Case dei Cretini da dove vengono.

Quanto al vescovo, ben venga la loro presa di posizione comune ma perche' aspettare dopo che la decisione e' stata presa ? Il giorno prima della decisione non e' 100 mila volte meglio del giorno dopo ?

mario franco basilico said...

Per il centro oli si stanno adottando le stesse tecniche che hanno adottato per la realizzazione della centrale elettrica di Gissi; la differenza è che il comprensorio di Ortona è molto più popolato, più informato, soprattutto per merito vostro, ma anche per maggior interesse all'ambiente di un numero maggiore di persone .
Anch'io credevo che i miei compaesani, per protesta, rinuciavano a guardare certi programmi televisivi e a tutte le feste patronali e non, invece, hanno fatto l'opposto, hanno fatto più feste e meno lotta; giorno dopo giorno mi sono convinto sempre di più, che il popolo, per le cose di grande intersse pubblico non lotta, delaga altri, fanno gli spettatori per prendere qualche briciola dai vincitori.
I Politici che si alternano ma sono sempre gli stessi e si sanno difendere, sanno benissimo che devono insistere, ci metteranno più tempo ma ce la faranno perchè loro non perdono mai perchè, tutto è a nostre spese.

giacinto2000 said...

scusa mario franco ma per caso sei quello ceh fa le opere di edilizia e che casualmente fa anche oleodotti e strade? Che ci devi fare col centro oli, le strade di accesso?

http://www.hotfrog.it/Societa/BASILICO-FRANCO


Occhio perhce' ti ho tanato anchesu vastesi.com a dire che il centro oli si fara'.......
Tu e tutti quelli che cercano di mettere zizzania sui siti nostri ci avete rotto un po' le parti basse.
Ma non credi di essere ridicolo a fare opera di disinformazione proprio dal nemico?Per tua informazione sappi che la legge regionale che si andra' a modificare sara' definitiva e non si potranno mettere centrali ne petrolifere e ne nucleari. La centrale turbogas a Gissi e' stata possibile realizzarla perhce' a livello legislativo non ci si e' potuti opporre piu' ditanto pehce' nel terzo governo Berlusconi l'allora monistro Marzano fece il decreto sbloccacentrali.
Almeno la prossima volta cerca di nasconderti sotto un nickname....
PAtetico

giacinto2000 said...

mario franco non te la prendere.
potrei aver anche toppato e magari sei un cittadino comune che come me non ha interessi. Pero' chiaramente siccome Internet ci viene sempre in aiuto mettiamo le mani davanti. QUesta tua sicurezza sul centro oli era appunto sospetta da qualche giorno, ho indagato sul web ed e' uscita fuori sta pagina che ho linkato.Ue magari po' essere che ho sbagliato eh.......

abruzzono-triv said...

LU CENTRO OLI NZI FA...TRANQUILLI...
altrimenti sai che casino succede...

mario franco basilico said...

Giacinto stai sbagliando persona, io sono Mario Franco Basilico, non Franco Basilico che è titolare dell'impresa edile; se vuoi ci possiamo anche incontrare di persona così, non avrai più dubbi, mai mi permetterei di scherzare su questi argomenti, l'ho scritto pure su questo blog giorni fa, che sulla questione della centrale, mi sono rovinato la vita e la famiglia, però ti capisco ed hai fatto bene a srivere il tuo pensiero e ti ringrazio,hai più stima da parte mia.
Forse mi sono spiegato male, questo dipende dal fatto che io dei politici, ho fiducia ZERO e non vedo alcuna differenza.
Non pensi che per la realizzazione di queste opere sono tutti d'accordo e i progetti li fanno tutti insieme, molti anni prima e durante la fase di approvazione, gli schieramenti, si alternano e il colore politico dell'amministrazione comunale non coincide mai con quella provinciale e regionale?
Cosi possono palleggiare bene con il popolino e li rivotano di nuovo, all'infinito?
Grazie a Voi ho scoperto "Primadanoi" quando ho letto che confindustria e la regione sponsorizzano maria defilippi, avrei voluto MORIRE pur sapendo che non avrei risolto niente perchè quello che dice defilippi ha grossa risonanza sul 90% delle persone, quello che diciamo noi, poteri non tanto oculti, faranno del tutto per farlo cadere nel vuoto.
Spero di essermi spiegato questa volta.
Un saluto a te, ed in maniera particolare alla Prof.ssa Maria Rita per tutto quello che sta acendo.

simbasil said...

ho appena letto il programma della notte verde è veramente imbarazzante e vergognoso!!!
chissà quanti soldi hanno speso per creare questo mostro!
mi auguro che ci siano delle manifestazioni contro questa pagliacciata da parte di tutte le associazioni ambientaliste abruzzesi!

wanadobee said...

dove si trova il programma ?

wanadobee said...

come non detto, e' qui:

http://theitalianvoice.today.com/2008/06/20/attend-the-notte-verde-june-28th-in-abruzzo-italy/

wanadobee said...

e abbiamo pure il sito ufficiale:

http://www.lanotteverde.it/

Da Chieti said...

Sì, Demone, incredibile. La Notte Verde spacciata come una manifestazione pro-ambiente, sponsorizzata da province, regione, comuni, enti ecc.., con i reduci dei programmi trash della De Filippi. Sono andato a vedermi con il Whois (www.whois.is)chi è il proprietario del sito www.lanotteverde.it, così risalendo all'organizzazione: La New Star Communication di un tal Claudio Marastoni da Reggio Emilia, con alle spalle un lungo carnet di manifestazioni notoriamente ambientaliste: "Playboy: New Model Of The Year", "VIP Show", "Miss Grand Prix International", e via dicendo. Un vero esperto di ecologia: praticamente ha tutte le carte in regola per fare il ministro dell'ambiente in questo paese di Testa D'Asfalto.
Povera Italia.

Ciao Maria Rita!