.

.

Tuesday, January 20, 2009

Se questo e' il prezzo da pagare, benvenga.


"We will restore science to its rightful place, and wield technology's wonders to raise health care's quality and lower its cost. We will harness the sun and the winds and the soil to fuel our cars and run our factories."

Barack Obama, discorso d'inaugurazione, Washington 20 gennaio 2009


Qualche tempo fa Al Gore parlo' di disobbedienza civile per salvare i territori dalle invasioni di petrolieri, carbonizzatori e persone con zero cognizione di sviluppo sostenibile, interessati solo al denaro facile. Il governo Bush ha usato i suoi ultimi giorni per far regali a destra e a manca ai petrolieri.

Alla fine di dicembre fu decisa la vendita all'asta di permessi esplorativi nello Utah da parte del Bureau of Land Management, un ufficio federale per la gestione del territorio pubblico.

Tim de Christopher, 27 anni, originario di Pittsburg si era trasferito nello Utah per studiare economia all'univerista'. Pittsburg per molti anni e' stata la capitale delle acciaierie e dell'industria pesante, e Tim fu stregato dalla bellezza del panorama dello Utah. Decise che non poteva permettere a Bush di distruggere tutta quella bellezza.

Cosi', dopo aver sostenuto il suo ultimo esame dela sessione invernale, Tim decise di andare all'asta. Il suo piano era si disrompere lo svolgimento della sessione con urla di protesta e di farla rimandare. Ma poi qualcuno gli chiese: 'lei e' qui per partecipare all'asta?' e lui, senza sapere cosa faceva, disse si. Si sedette fra la gente, gli assegnarono il numero di bidder 70, e inizio' a piazzare scommesse. Qualcuno trovo' i suoi metodi un po bizzarri (non c'era mai stato ad un asta prima!) ma tutti rispettarono questo tizio, apparentemente ricco, che cercava di comprare tutta quella terra.

Fece salire di molto i prezzi e fini con l'acquistare circa 10,000 ettari di terra alla cifra di quasi 2 milioni di dollari. Lui pero' i soldi non ce li ha mai avuti!

Naturalmente, ci sono state grida di scandalo, da parte dei petrolieri e di altri acquirenti e si parla di conseguenze legali. A suo modo pero', Tim ha vinto, perche' la procedura giusta sarebbe di rifare l'asta, cosa impossibile sotto la nuova ammministrazione Obama, che si e' dichiarata contraria allo sfruttamento minerario di quelle terre. Un tribunale dello Utah ha anche disposto che prima di tornare all'asta quelle terre dovranno essere soggette ad uno speciale studio ambientale, data la loro naturale bellezza ed importanza storica.

Intanto, Robert Redford ha dato il suo appoggio alla causa, chiamando la vendita moralmente criminale. Esiste anche un sito web per raccogliere il denaro per pagare le spese legali di Tim. In un mese sono stati raccolti $45,000, la maggior parte del denaro sotto forma di donazioni di dieci o venti dollari.

Un giornalista della CBS ha chiesto a Tim se ha paura del fatto che potrebbe finire in prigione per frode. Lui, tranquillo ha detto: "Se questo e' il prezzo da pagare per la difesa di questa terra che amo, benvenga."

Fra le ditte interessate alle trivelle, la nostra beneamata ENI. Ad Ortona e' stato l'eroico e dignitoso signor Orsini a resistere, qui invece si e' trattato di un ventisettenne squattrinato a fargli lo scherzetto.

Fonti: CBS News, CBS News 2, La nuova ecologia

3 comments:

wanadobee said...

i per i petrolieri... con il prezzo del petrolio che sprofonda sempre di piu' e l'elezione di obama.

E Cheney e' finalmente uscito di scena, adesso la lobby delpetrolio a chi fara' riferimento ?

E in Italia esiste una lobby del petrolio ? Ho senito dire di si.. e ho trovato pure chi lo ha scritto nero su bianco!

maria rita said...

cheney e' uscito di scena sulla sedia a rotelle!

mario franco basilico said...

Speriamo che non ha fatto questo gesto per prendre qualche esagerata mala uscita.