.

.

Sunday, November 30, 2008

Il Ministro Prestigiacomo



Ho cercato di indagare meglio il curriculum del nostro ministro dell'ambiente, Stefania Prestigiacomo per capire quali possano essere le sue credenziali per svolgere il ruolo che ricopre. Ahime', di credenziali ne ha, ma che dovrebbero motivare la sua piu' totale estranieta' al ruolo di difenditrice dell'ambiente e della salute della gente.

Dato il suo passato non e' difficile pensare che lei non intercedera' per noi abruzzesi o che le importi molto della gente. La Prestigiacomo infatti, insieme con il resto della sua famiglia, e' titolare di una ditta di Priolo chiamata VED, Vetroresina Engineering Development, che produce vetroresina.

Nel corso degli anni, i lavoratori della VED e i loro figli hanno iniziato, guarda caso, ad avvertire l'incidenza di strane malattie, fra cui patologie respiratorie, accumulo di polveri nei polmoni anche da parte di non fumatori, figli nati deformi, e alveloite, una malattia di irritazione dei polmoni nota anche come fibrosi polmonare. Finalmente nel 2002, gli enti medici di Siracusa accertarono che le condizioni lavorative della VED erano da considerarsi causa di queste malattie.

Nella fabbrica infatti quotidianamente i lavoratori venivano esposti a polveri, vapori, fumi pericolosi e tossici, sprigionati nell’aria nella fase di miscelazione dei materiali utilizzati per la produzione della vetroresina.

Questo i lavoratori gia' lo sospettavano da molto tempo, pero' tutte le loro richieste di migliori controlli ed impianti di mitigazione delle polveri tossiche nell'aria non furono ascoltate. Primo fra tutti il rappresentante della sicurezza Sebastiano Guzzardi che venne totalmente ignorato. Lui era anche il cugino della Prestigiacomo.

Questa storia fini' sull'Espresso in un articolo che si chiama "La fabbrica delle malattie." Lo riporto pari pari alla fine di questo post. Alla fine, la nostra ministra disse che non era responsabilita' sua. Come al solito non e' mai responsabilita' di nessuno. Come al solito continuo a pensare che non si tratta necessariamente di responsabilita' scritte o legali, quanto morali, l'ingrediente magico che troppo spesso manca dalle nostre vite.

Cosa possiamo fare allora per fermare il governo centrale con la proposta 1441 e i suoi intenti criminali? Un po' di tempo fa scrissi alla comunita' europea perche' secondo me queste proposte di scavalcare la volonta' popolare e' contro le leggi internazionali, in particolare il trattato di Aarhus che dice non solo che la gente e' autorizzata ad esprimere il suo parere riguardo temi di gestione del territorio ma che le nostre decisoni sono vincolanti.

Un rappresentante dell'unione europea mi rispose mandandomi, via web, una serie di moduli da riempire. Io non sono un avvocato, e, tempo permettendo cerchero' di indagare meglio come si puo' fare. Pero' se qualcuno di voi se ne intende meglio di me, gli mando cio' che mi e' arrivato e magari lo possiamo compilare assieme.

Altre idee?



Intanto ecco qui il pedigree della Prestigiacomo come riporta l'Espresso, sotto la firma di Marco Lillo, 25 ottobre 2001:

---------
Il gruppo chimico che il ministro possiede con la famiglia è sotto inchiesta. Dopo la bancarotta fraudolenta, spuntano strani disturbi.

"Combatterò le ineguaglianze sociali, i problemi dei più deboli, degli invalidi.... "
Il ministro delle Pari Opportunità, Stefania Prestigiacomo, ha le idee molto chiare. Per realizzarle non deve andare lontano. Sarebbe sufficiente che poggiasse lo sguardo sui casi umani della sua azienda, la Ved di Siracusa.

Per esempio su tre operai che hanno avuto figli con malformazioni congenite.

O su quelli che non hanno mai fumato una sigaretta e che dopo dieci anni di stabilimento si ritrovano la polvere nei polmoni.

Coincidenze.

E' la risposta degli operai che si sono sentiti opporre dal padre del ministro, Giuseppe Prestigiacomo, fondatore ed amministratore dell'impero della vetroresina. Ma a volte le coincidenze sono sospette.

Nella fabbrica della famiglia Prestigiacomo si lavora in condizioni di sicurezza che sono oggetto di una inchiesta della Procura di Siracusa. Il sostituto Maurizio Musco procede per lesioni contro papà Prestigiacomo e altri dirigenti. Due dipendenti hanno denunciato la società dopo aver fatto delle analisi ai polmoni. Tre mesi fa la Polizia è entrata in ditta riscontrando una seri di violazioni.

Gli operai si feriscono gravemente e muoiono con frequenza inquietante. La settimana scorsa è morto un dipendente di una delle aziende del gruppo cadendo da un traliccio mentre lavorava. Pochi mesi prima un altro era rimasto gravemente ferito alla Ved. Ma la vicenda più inquietante, finora passata sotto silenzio, è quella delle malformazioni congenite dei bambini.

Tutto comincia nel 1993, qunado Sebastiano Guzzardi, un operaio di 36 anni, scopre che suo figlio ha una malformazione congenita dell'uretere che fa tornare i veleni del suo corpo al rene, danneggiandolo. Dopo due operazioni è tornato alla normalità.
Ora ha sette anni e conduce una vita serena, anche se il rene è danneggiato e deve essere sogggetto a controlli frequenti. Il suo caso non è isolato.

Tre anni dopo, un collega di Guzzardi, si ritrova nella medesima situazione: suo figlio nasce con una malformazione all'uretere. anche lui ha la febbre e il reflusso urinario. Anche lui è operato a Vicenza. Il tarlo che ronza nella testa dei due papà diviene un rombo un anno dopo. nello stesso reparto della fabbrica, un caposquadra li chiama in disparte e confida: "Mio figlio ha il reflesso dell'uretere". Un incubo. Non passa un anno e un altro operaio ha una bambina che gli nasce con la febbre e i problemi alle vie urinarie.

A questo punto, Sebastiano Guzzardi pensa che la misura sia colma.

Cerca una risposta ai suoi dubbi dal padrone, Giuseppe Prestigaicomo, e dalla Asl, ma niente. Solo la Cgil lo aiuta e lo fa eleggere rappresentante sindacale in azienda. Sempre la Cgil avvia una campagna per migliorare le condizioni di lavoro in fabbrica, ma la famiglia Prestigiacomo non apprezza. Il 14 maggio la Ved spedisce a Sebastiano una lettera minacciosa: "Poichè ravvisamo in tali gratuite e infondate osservazioni del signor Guzzardi un chiaro proposito diffamatorio, stiamo valutando l'ipotesi di una denunzia penale a suo carico".

Eppure la richiesta di comprare gli aspiratori per tutelare i polmoni dei dipendenti non era campata in aria. Dopo le indagini della procura, pochi giorni fa, gli aspiratori sono stati installati. Eppure le sostanze usate per produrre la vetroresina potrebbero avere un legame con le malattie.

Alcuni operai ricordano ad esempio che in fabbrica in passato si usva una sostanza chimica denominata dimetil anilina. La faccenda è delicata, e per capirlo basta sentire una delle massime esperte del settore, la dottoressa Fiorella Belpoggi, ricercatrice della Fondazione Ramazzini di Bologna: "Questo tipo di sostanze pùò causare tumori alle vie urinarie. Quanto alle malformazioni della prole, la scienza non ha ancora detto una parola definitiva. Sono in corso gli studi sugli animali, tuttavia di fronte a una serie di casi così ravvicinati, non mi sento di escludere una correlazione. Ci vorrrebbe uno studio approfondito". Uno studio che la famiglia Prestigiacomo ha evitato di fare. Sembra che si voglia rimuovere il problema.

L'azienda è arrivata a negare una settimana di ferie, trasformata in cassa integrazione, a un lavoratore che chiedeva di stare vicino al figlio durante l'intervento. Un altro operaio ha avuto due figli nati con alcune dita delle mani attaccate. L'operaio chiese un prestito da trattenere in busta paga per la seconda
operazione, ma gli fu opposto un rifiuto. solo grazie a una colletta dei colleghi il bambino è stato operato.

E Stefania Prestigiacomo? Sebastiano Guzzardi, oltre a essere un suo dipendente, è anche cugino di secondo grado. Ma appena la mise a parte del suo dubbio, l'attuale ministro cambiò tono: "Non pensarle nemmeno certe cose. Sai quanti miliardi spendiamo noi per la sicurezza? Il lavoro non c'entra nulla". Nessuno ha certezze in questo campo. Ma proprio per questo le istituzioni sanitarie dovrebbero verificare. Eppure nessuno si muove.

I Prestigiacomo a Siracusa sono abituati a non rendere conto. Gli stabilimenti incriminati in precedenza erano in dotazione alla Sarplast, l'azienda di famiglia fallita nel 1997 perchè oltre a non pagare i creditori non seguiva gli ordini del giudice. Al cerac è seguita una indagine per bancarotta fraudolenta. Secondo i giudici "la società ha compiuto atti diretti a frodare le ragioni dei creditori ed ha occultato l'attivo". Il procuratore capo di Siracusa ha scoperto decine di miliardi finiti alle controllate estere o usati per pagamenti preferenziali alle banche amiche, e ha iscritto nel registro degli indagati una ventina di amministratori. Eppure i Prestigiacomo continuano a lavorare negli stessi locali, con gli stessi macchinari e gli stessi operai, avendo cambiato solo la struttura societaria.

E Stefania? (Più precisamente "E Olivia Stefania?", aggiungiamo noi)

Quali responsabilità ha? In qualità di socio di maggioranza relativa alla holding di famiglia (21,5%) è il principale beneficiario della bancarotta ipotizzata dai magistrati, ma non è perseguibile perchè non ha incarichi esecutivi.

Quanto alle condizioni sanitarie, anche qui non esiste una sua responsabilità diretta. Prima di lasciare l'azienda era un dirigente senza rappresentanza: "Mi occupavo delle forniture, dalla carta igienica alle gru" ha raccontato al "Sole 24 Ore".




Fonti: Isola dei cani, La fabbrica delle malattie - L'Espresso

8 comments:

MARCO GIANGRANDE said...

Stavo preparando anche io un post sulla Prestigiacomo.
Integro il tuo Maria Rita con questo filmato che invito tutti a vedere:
http://it.youtube.com/watch?v=hN0gXpPp60A&feature=related
In diretta Tv e davanti a milioni di spettatori lei promise di occuparsi degli abitanti delle "White" di Milano (case popolari costruite con l'amianto), i quali hanno tassi di tumori e di morte da far rabbrividire anche Taranto e Gela.
Quelle povere persone ringraziano, non l'hanno mai vista.
Non aggiungo altro per commentare una persona del genere.

mario franco basilico said...

Purtroppo i Leoni controllano il pianeta terra.
Ieri sera sono stato a Vasto, c'era Giulio Borrelli, ha parlato delle elezioni degli U.S.A. e della vittoria di Obama e di come intende affrontare i vari problemi; non può farcela da solo, ha bisogno anche dei suoi avversari, altrimenti sarà una sconfitta, da subito.
Nella mia limitatezza ho capito, anche perché lo pensavo già, che anche negli U.S.A. ci sarà impunità, altrimenti ci saranno ulteriori problemi.
Non so da Voi, io in questi giorni vedo che i partiti tramite i loro appartenenti in cerca di occupazione, assillano le persone semplici e la maggior parte dei giovani, lo obbligano quasi a partecipare ai loro incontri che fanno con i vari candidati; vogliono creare lo scontro, hanno interesse a dividere gli elettori per farli partecipare più numerosi, non vogliono occupare il potere solo con i loro voti, vogliono fare i loro comodacci con il consenso popolare, altrimenti si vergognano un pochino e non si troverebbero a loro agio.
Nella mia zona, l’unico che non ha ancora assillato è il candidato dell’Italia dei Valori, chissà che risultato avrà.

wanadobee said...

un altro ministro passacarte e inutile.

Una simile ricerca la avevo fatta pure io ma in quei giorni si parlava di chiodi e della opportunita' di sviluppo dal centro oli.

brava MR

maria rita said...

Marco, ho messo su il link di Annozero di cui parli. Raccapricciante.

maria rita said...

A quel consigliere ignorante,
Francesco Antonino Triscari Binoni, e che dice che l'amianto causa "solo un tipo di tumore" faccio presente che l'amianto causa o favorisce:

cancro del polmone, cancro del mesothelioma, cancro colorettale, cancro gastrointestinale, cancro all'esofago, cancro alla vescica,
cancro al rene, cancro alla gola.

http://www.asbestos.com/cancer/

Anonymous said...

L'obiettivo adesso è fermare la 1441. Purtroppo noi verdi non abbiamo nessun deputato, e nessun senatore e questo, come si legge anche sul Financial Times, sta producendo un grave arretramento dell'Italia in materia ambientale. Chiediamo a TUTTI i Senatori abruzzesi, DI STILARE UN DOCUMENTO COMUNE - I COLORI ADESSO NON CONTANO- e Di BLOCCARE la legge al Senato. I primi a fare questa richiesta ai Senatori dovrebbero essere i candidati governatori o, meglio, tutti i candidati, governatori e consiglieri devono sottoscrivere la richiesta. E di fronte a questa si misurerà la vera autonomia di ogni senatore abruzzese e non. VIVIANA FARINELLI

Anonymous said...

solIl Comitato Natura Verde è stato solo un trampolino di lancio per le ambizioni di qualcuno che ha sfruttato l'attenzione e l'occasione.
Chi si è allontanato perchè le carte sono state scoperte ora subisce anche una pubblica diffamazione a mezzo stampa da parte di chi fino a poco tempo era un suo compagno di viaggio.
Aprite gli occhi e non votate chi vi ha preso in giro e continua a farlo.

Anonymous said...

la 1441 è incostituzionale,art.117 della costituzione:legislazione concorrente,podestà legislativa alle regioni.
L'energia rientra nella legislazione concorrente.