.

.

Monday, August 1, 2016

All'amministrazione comunale di Lanciano

Area da dismettere 
Ex Vivaio

Trasformiamolo in un piccolo orto urbano? 
In un giardino?

Basta cementificare fino all'impossibile.


Ulivi adiacenti l'area da dismettere


Orti urbani in giro per il mondo.
Anche a Lanciano? 








The activist is not the man who says the river is dirty. 
The activist is the man who cleans up the river.


Gentile amministrazione di Lanciano,

La mia famiglia vive a Via Del Mare da circa 30 anni.

In questi decenni ho potuto osservare come, condominio dopo condominio, ci sia sempre meno verde lungo la strada che porta dall’ospedale verso il mare.

Spesso i costruttori coprono i piazzali antistanti gli ingressi dei palazzi nuovi con lastricati senza lasciare alcun spazio per il verde, oppure con spazi angusti e che finiscono con il soffocare le piante.

Il verde e’ importante, crea ombra, crea serenita’ in chi lo guarda, e spesso da valore aggiunto alle
abitazioni.  E’ piuttosto triste vedere supposte abitazioni in “classe A” – in teoria per il risparmio energetico – senza alberi!

In queste settimane c’e’ il rifacimento di Via del Mare e credo che ci sia una bella opportunita’ per
trasformare una piccola area dismessa in un piccolo cuore verde. E’ l’ex vivaio all’ingresso di Santa
Giusta, che sorge accanto ad un uliveto.

Non so quali siano i progetti per tale spazio, o se ce ne siano. Ma perche’ non estendere l’area verde
degli uliveti in modo da includere l’ex vivaio? Ci si possono aggiungere altri alberi, mettere panchine.

Meglio ancora sarebbe usare lo spazio dell’ex vivaio per creare piccoli lotti di orti urbani, come
spesso vedo in varie citta’ del mondo.

Spero che questo suggerimento sia utile.

Ancora di piu’ spero vivissimamente che quale che sia il destino di tale area dismessa, non venga asfaltata e/o cementificata ma restituta alla comunita’ come piccolo polmone verde alla fine della pista ciclabile.

La pista ciclabile con gli alberi lungo le strade, e con un piccolo giardino alla fine e' piu' bella che con il cemento e i parcheggi.

Maria R D'Orsogna


No comments: