.

.

Wednesday, May 27, 2009

Tumori: Italia vs. USA


Abbiamo gia' parlato delle statistiche del 2008 sulla percentuale di tumori infantili che in Italia
e' il doppio rispetto a quella degli altri paesi europei e rispeto agli Stati Uniti.

Oggi sono uscite delle statistiche americane condotte dall'American Cancer Society. Secondo questa indagine, negli USA i quattro tipi principali di tumori fra gli adulti sono in via di declino: quelli alla prostata, ai polmoni, al colon, e al seno, che sono anche i piu' letali. Queste tendenze vanno avanti dal 1990 e oggi si parla di un abbassamento dei tumori di quasi il 20% negli uomini e dell'11% nelle donne, in 15 anni.

Il che vuol dire 650,000 morti in meno. Il capo dello studio Ahmedin Jamal ha detto:

This is good news because cancer death rates have continued to decrease since the early 1990s because of prevention and improved treatment for many cancers. We have to be optimistic based on the trends. We are on the right track.

I motivi di questo calo dei morti per tumore e' dovuto principalmente ad una miglior prevenzione e a trattamenti migliori. Ci sono meno casi di Hormone Replacement Therapy (terapia ormonale sostitutiva), rispetto al passato e un minor numero di mammografie in donne giovani: per entrambi questi tipi di interventi, i rischi sono maggior dei benefici. Ci sono piu' colonoscopie e il divieto di fumare diventa sempre piu' capillare. Almeno in California, fumare e' considerato roba da sfigati ed e' vietato dappertutto, anche al mare.

Nell'articolo si dice anche che c'e' molto da lavorare, specie per combattere i tumori legati all'obesita', una piaga sociale negli USA e per continuare ad abbassare questi tassi. Cioe' vogliono fare ancora meglio.

Io personalmente sono anche convinta che il calo dei tumori sia da attribuirsi anche ad una miglior cura dell'ambiente, e a severi limiti emissivi di inquinanti di ogni genere. Non per niente costruire raffinerie e' diventato anti-economico dal 1976. Quando sono in Italia spesso leggo di cose prese da questo blog e citate un po a sproposito: in America non ci sono leggi che vietano le raffinerie, ma e' un dato di fatto che non vengono costruite piu' da piu di trenta anni. Perche'? Perche' sono anti-economiche: i costi dovuti al rispetto delle norme ambientali e' cosi alto che si preferisce importare i prodotti finali raffinati altrove.

E in Italia? Sappiamo gia' di essere il paradiso dei petrolieri, che vendiamo all'estero il 25% della benzina che raffiniamo, che la gente muore in tutte le citta' legate alla sua lavorazione ed estrazione, sia negli stabilimenti, come a Sarroch, sia per malattie insidiose dovute alla vicinanza a raffinerie e profumati centri oli, come a Manfredonia, dove pero' e' colpa delle aragoste.

Bene, gli stessi tumori che in USA sono calati di circa il 15%, facendo la media fra uomini e donne, in Italia sono in COSTANTE AUMENTO.

L'associazione italiana di oncologia medica in un congresso a Verona ha affermato che tutti e quattro i principali cancri di cui sopra (colon, seno, polmoni, prostata) sono in netto aumento nel Bel Paese.

C'e' qualcosa da stupirsi? Come sempre, si raccoglie quel che si semina. Se butti porcherie in aria, e' evidente che la gente si ammala. Se i limiti legali sono tutti al disopra di cio' che raccomanda l'OMS e' naturale che poi ne paghi le conseguenze. Se nessuno controlla, nessuno viene multato, e' una conseguenza logica che i morti aumentano. Per dirne una, lasciare a Mafia e Camorra di controllare tre regioni italiane (e secondo me anche l'Abruzzo si avvia verso questa strada) che le trasformano il territorio in repositorio di roba tossica, cosa altro ci aspettiamo se non aumenti di cancro?

Pensiamo che petrolizzare l'Abruzzo non avra' questi tipi di conseguenze? Non ci basta Bussi inquinata?

Ultima nota: la notizia USA e' di oggi ed e' uscita sulla prima pagina di CNN e di tutte le altre testate web americane. Quella Italiana, che sarebbe anche la piu' importante da sapere, cosi magari la gente cerca di migliorare il proprio stile di vita, ribellarsi ed arrabbiarsi e' stata relegata ad un ansa che nessuno ha mai letto.

Meglio non sapere.

13 comments:

sR said...

Se posso permettermi sei troppo ottimista riguardo il controllo delle mafie in Italia.
Leggendo la relazione della DDA del 2008 si può vedere come da Bolzano a Palermo, le mafie siano sempre presenti.
Anche nel "santo" Nord, con i lavori per l'EXPO2015 le infiltrazioni sono in aumento.
Ma, occhio, non è solo colpa delle mafie... esse hanno fatto big deals con altri ambienti.

Rimanendo nell'ambito del post, grazie delle info, come sempre

Anonymous said...

Ecco come il governo italiano dichiara guerra alle mafie.
A telecamere accese corre a commemorare Falcone&Borsellino (ma chi ve lo ha fatto fare di morire per questo paese?), poi, nel segreto delle aule toglie ai magistrati ogni strumento di contrasto (vedi intercettazioni):
leggete questo articolo che come al solito non ha procurato nessuna indignazione o sommossa popolare

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2009/05/conti-mafiosi-black-out.shtml?uuid=be01c9ea-476e-11de-bb59-1f66c6daabf3&DocRulesView=Libero&fromSearch

hp

enrica said...

Cara Maria Rita,
ho scoperto il tuo blog grazie ad sR e ti faccio i miei complimenti! Estremamente interessante ed istruttivo! Continuerò a seguirti.

Enrica

wanadobee said...

l'italia e' una repubblica fidata sugli interessi di petrolieri, palazzinari e mafia.

Guai a disturbare i suddetti.

maria rita said...

Un altro post interessante sulle raffinerie e'
qui

giosuè said...

Guida Blu '09: premi per spiaggie d'Abruzzo

«La qualità della costa abruzzese è continuamente messa a repentaglio dai processi di petrolizzazione e dalle diverse iniziative di cementificazione che rischiano di compromettere le spiagge di maggior pregio, con forti ripercussioni anche sul turismo, che è uno dei motori propulsori della regione e trova in questi luoghi l’elemento di maggior forza. L’associazione invita pertanto le amministrazioni ad operare con lungimiranza». Per rendere onore alle nostre spiagge, la mattina di domenica 31 maggio i circoli abruzzesi di Legambiente aderiranno alla manifestazione Legambiente “Spiagge e fondali puliti”. Seguirà comunicato con il programma più approfondito.

fonte:
http://www.tuttoabruzzo.it/index.php?option=com_content&task=view&id=13234&Itemid=754

giosuè said...

Network documenta angosce di gente Sarroch

fonte:
http://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rubriche/daassociare/visualizza_new.html_965578415.html

-.-

Saras: quattro avvisi di garanzia per gli operai morti

se nell'emoglobina dei tre operai sarà trovato zolfo al posto dell'ossigeno vorrà dire, ha spiegato un medico specializzato in medicina del lavoro e tossicologia, che all'interno della cisterna c'era ancora idrogeno solforato e che quindi la bonifica non era stata effettuata a dovere.

fonte:
http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2009/05/saras-avvisi-garanzia.shtml?uuid=f02d5a8a-4bb8-11de-8cae-568b4a1407d9&DocRulesView=Libero

sR said...

grazie della notizia giosué

maria rita said...

grazie giosue' - diciamo che e' il mio stesso sospetto fin dall'inizio. vediamo che dicono le analisi.

L'emoglobina e' una componente dei globuli rossi del sangue che ha al suo interno delle molecole di ferro. Su queste si attacca l'ossigeno che poi viene portato in giro nel corpo umano. Lo so perche a un certo punto ne abbiamo fatto un modello matematico.

L'ossigeno ariva dal aria, ma se invece c'e´ h2S, e' lo zolfo che prende il posto dell'ossigeno e cosi le cellule restano senza ossigeno e la morte e' immediata.

Il cianuro HCN (C=carbonio, N=azoto) funziona nello stesso identico modo.

Sauro said...

IL SONNO DELLA RAGIONE GENERA MOSTRI

Lavoriamo insieme: ricercatori, medici, genitori, studenti.. per promuovere una cultura della responsabilità;

per chiedere alle autorità locali di tutelare il territorio e la salute dei cittadini,

e al nostro Governo di abolire leggi vergognose che ci
pongono fuori dalla stessa Comunità Europea.

Riscopriamo insieme il valore della partecipazione e della democrazia,
dimostriamo nei fatti che vogliamo proteggere i nostri bambini,
le città in cui viviamo,
l'aria che respiriamo, scrolliamoci di dosso questo fatalismo,
questo sentimento
tragico di ineluttabilità delle cose,
"un grande incendio nasce da una scintilla".
Non è troppo tardi:
dobbiamo credere
che ci siano molte persone con un pizzico di sana follia,
perché come diceva Albert Einstein:
"Solo coloro che sono così
folli da pensare di cambiare il mondo, ci riescono".

Patrizia Gentilini
Oncoematologo ISDE Forli

Anonymous said...

Maria Rita,

a proposito di modello matematico dai uno sguardo a questo modello sul nucleare e magari una tua considerazione

Valeria

http://www.google.it/search?hl=it&ei=W8cfSsXbAc2OsAaF7YjNBg&sa=X&oi=spell&resnum=0&ct=result&cd=1&q=supercomputing+challenge+nuclear+mexico&spell=1

Anonymous said...

Scusa il link è:

http://www.challenge.nm.org/archive/08-09/finalreports/67.pdf


Vale

Anonymous said...

Cianuro eh?

http://subarralliccu.wordpress.com/

non ci hanno fatto mancare niente...sono arrivati per l'oro e poi hanno lasciato un disastro.

Valeria