.

.

Sunday, July 13, 2008

Orsogna, 13 Luglio


Il lungo tour estivo e' iniziato, alcune cose mi hanno fatto felice, altre mi fanno rendere conto che c'e' ancora molto da fare, da divulgare. Sembra incredibile, ma c'e' ancora della gente che non sa quasi niente del centro oli.

Venerdi' e Sabato sono stata ospite del programma itinerante "Percorsi" a Lanciano, gruppi di persone che andavano e venivano hanno avuto l'occasione anche di guardare il video del ritorno di Attila e di partecipare a sessioni di domande e risposta con me, il regista del video e alcuni membri del comitato natura verde.

Sono stata contenta dell'avvicinamento di nuove persone al problema, ma troppo spesso la prima reazione e' "ci pensera' qualcuno", opppure "in Italia funziona cosi", mentre invece occorre rendersi conto che data la latitanza dei politici, occorre veramente il coinvolgimento attivo del popolo. L'ho gia detto in mille modi - la legge del 4 Marzo e' stata approvata solo ed esclusivamente perche' sotto i balconi della giunta regionale all'Aquila c'erano 6000 persone ad attenderla.

Domenica sera tappa ad Orsogna. Durante la proiezione del video c'era un tizio che si agitava e che PARLAVA apertamente al telefono, era seduto in prima fila, due sedie dopo di me. Ho cercato di guardarlo male e di fargli capire che non era il caso di parlare al telefono, se non altro per rispetto verso il resto della platea, ma non sono riuscita a catturare la sua attenzione.

Poi dibattito... ed il tizio con il cellulare e' salito sul palco per fare il suo intervento. Ha parlato quasi piu' a lungo di me: era il consigliere regionale D'Alessandro. Ha detto che occorre stare tranquilli perche' gli effetti della legge del 4 Marzo resteranno anche dopo il 31 dicembre e che i terreni agricoli non potranno essere toccati dalle industrie insalubri di primo grado quali il centro oli.

A D'Alessandro il mio plauso per essersi presentato, per avere accettato di parlare, per essersi fatto coautore della legge del 4 Marzo che, con tutti i suoi limiti, ci sta dando lo spazio di continuare la lotta. Pero' che malcostume. Avrei voluto fargli tante domande, del tipo: cosa significa che dobbiamo star tranquilli anche dopo il 31 Dicembre? Come fa lei ad essere cosi sicuro che veramente i terreni agricoli non saranno piu' toccati dopo quella data? E invece, subito dopo aver parlato D'Alessandro e' andato via.

Vengo da un altro tipo di societa' e questo modo di fare che forse puo' sembrare normale qui, a me e' parso un po' mancante di rispetto. Anche io avevo visto il video (circa 10 volte negli ultimi tre giorni!), anche io avevo voglia di andare a casa dopo aver parlato, ma invece sono stata li seduta e zitta per rispetto verso la gente che era venuta per sentirci.

Stasera a Tollo alle 9 nell'auditorium della citta'. Del Turco e' finito in manette. Che posso dire? Spero che in prigione gli portino gli arrosticini da qualche sagra di paese. Sei milioni di euro di tangenti. E la gente che non arriva a fine mese. Una vergogna.

13 comments:

Anonymous said...

Si, andranno Frat e.n.i., Di Mart e.n.i. e Marrollo che porteranno arrosticini, montepulciano e pan 'mbuss all'uoij preceduti dalla banda di Roccacannuccia !!!

Tutto in omaggio al "salvatore" della nostra regione, colui che con la lungimiranza di una talpa ci vuole elevare a regione petrolifera, inceneritrice, oggetto di grandi sanzioni UE per la mancata riduzione del CO2 e tutto il peggio che la sua mente potrebbe partorire.
Ed ecco l'abruzzo bucolico, è servito !!!!!
Per il resto che dire cara Maria Rita, l'educazione a volte è considerata fessaggine e quindi forse per non apparire fessi preferiscono essere maleducati, del resto Tuo papà può confermarTi che anche a Pescara è successo lo stesso, ma lì trattavasi di un Senatore il quale cercava pure di sminuire i nostri interventi dicendo che sarebbe stato meglio parlare di cose nuove piuttosto che ripetere le cose vecchie ( peccato che le cose vecchie non le hanno affatto recepite )con il cellulare che squillava a manetta !!
Ma del resto pensi che ci fermeranno o ci scoraggeranno queste inezie ???? Una volta in più dico che l'opera avant lu mastr. Nel ringraziarTi una volta ancora, senza che sia mai sufficiente per quello che fai, SinceraMente Ti dico: non ti curar di loro, ma guarda e passa !

Tom P. said...

Cara Maria Rita,
fai molto bene a sottolineare certi comportamenti. Io sono abruzzese e conosco solo le abitudini italiane, però ho avuto quel poco di educazione che mi consente di giudicare le persone dal modo con cui si pongono rispetto agli altri. Una scena come quella che ci hai descritto per me è sufficiente per escludere una persona dalla possibilità di dargli la mia delega politica. Non credo di essere l'unico a ragionare così. Non avrei mai votato quei politici come Quarta e Cesarone che oggi troviamo coinvolti nella vicenda giudiziaria, non so se sono innocenti o colpevoli e non ne sapevo niente prima, ma ho visto la loro immensa alterigia, gli atteggiamenti di superiorità e questo mi basta per sapere che non possono rappresentarmi. Quel modo fi fare spesso serve a mascherare l'insicurezza di chi non ha la competenza per svolgere il ruolo che gli è stato affidato

massimo075 said...

SANITA': ARRESTATO IL PRESIDENTE DEL TURCO ED ALTRE 10 PERSONE. 35 INDAGATI

ABRUZZO. La notizia è piombata stamane improvvisa. Una serie di voci si sono alternate e parlerebbero di almeno tre arresti tra i quali ci sarebbe di sicuro il presidente della Regione Ottaviano Del Turco, almeno un assessore ed una terza persona.
Sono 11 le persone arrestate (in carcere): LAMBERTO QUARTA, CAMILLO CESARONE, ANTONIO BOSCHETTI, GIANLUCA ZELLI, LUIGI CONGA.
Ai domiciliari: GIANCARLO MASCIARELLI, VITO DOMENICI, BERNARDO MAZZOCCA, ANGELO BUCCIARELLI, FRANCESCO DI STANISLAO (divieto di dimora a Pescara).

http://www.primadanoi.it/modules/bdnews/article.php?storyid=16268

era ora...........

wanadobee said...

c'ero anche io ieri sera a Orsogna per la presentazione di Maria Rita e la proiezione del video.

Questi politici ci hanno rotto. Rovinano sempre tutto con interventi vuoti e sempre tesi a difendere la loro categoria. Vengono, ascoltano distrattamente, dicono due cose inutili, assopiscono la platea e se ne vanno senza attendere le conclusioni.

Se salgono sul palco per fare promesse utili e prender eimpegni precisi con tanto di data entro cui sra' fatto benvengano. Se devono salire sul palco per fare campagna elettorale non li vogliamo, ci annoiano. Non e' tempo di comizi, non siamo in campagna elettorale. Beh... anche se presto ci saremo (purtroppo)

Anonymous said...

No Wanadobee, perchè dici purtroppo. E' un'ottima occasione, secondo il mio modesto parere, e Ti spiego come la vedo io.
Intanto qualora ci fossero le elezioni anticipate, da preferire al commissariamento,
1) vedremo con sufficiente anticipo le intenzioni di coloro che secondo noi non prendevano posizioni nè a favore nè contro la petrolizzazione dell'abruzzo solo perchè miravano alla candidatura nel 2010 ( e non è poco );
2) a costoro chiederemo prima una significativa azione di tutela del nostro territorio ( regione, a mezzo di atti non chiacchiere ) presso il governo centrale ( es. perimetrazione del parco o ancora meglio rafforzamento della l.r. 18/1983 ), e solo dopo se meritato sul campo avranno il riconoscimento del nostro voto. Secondo Te è un fatto negativo ??
SinceraMente secondo me no ! A stasera, ciao !

Anonymous said...

Grazie a Franco Basilico anche io ero presente questa sera a Tollo. Scrivo nel Blog di grillo così non mancherò nel riportare questa battaglia in quello spazio e di essere impegnato anche io attivamente partecipando e divulgando tra la gente iniziative.


salice piangente

Anonymous said...

ma quand è che maria rita ritorna a parlare a lanciano???
perchè non l'ho saputo dell'altra sera e mi è veramente dispiaciuto

maria rita said...

ciao - sono a lanciano il 27 luglio a parlare. altre date sono il 18 a vasto, il 25 ad ortona, il 26 a paglieta, il 21 mattima a pescara.

guardate il sito del comitatonaturaverde.blogspot.com per maggiori informazioni.

ciao - mr

Luca Pantaleo said...

Occorre stare molto attenti alla vicenda del centro Oli, il terremoto che sta stravolgendo l'Abruzzo potrebbe far passare in secondo piano certe cose. C'è da considerare anche che, se la regione viene commissariata, si andrà sicuramente dopo il 31 dicembre. Facile prevedere che l'ENI riprenderà immediatamente i lavori...

Se non si viene commissariati (ma secondo me sarà necessario) comunque si finirà all'anno nuovo per via della campagna elettorale. Si crea un vuoto di potere, quelli dell'ENI sono degli avvoltoi e non aspettano altro. Per quanto mi riguarda sarei pronto ad occupare i terreni twentyfourseven. Esagero? Lo spero.

james e ursula said...

adesso aspettiamo che si apra un nuovo filone, quello delle tangenti Eni per incoraggiare la petrolizzazione dell'Abruzzo, magari potrebbero esserci delle inaspettate sorprese,

non credete?

abruzzono-triv said...

io anche la penso come james....sul centro oli girano ancora piu soldi e chi è avvezzo al malcostume potrebbe esserci ricaduto...specie se si è fatto promotore contr tutto e tutti della vicenda, come del resto i 2 compari di ortona..

wanadobee said...

speriamo che qualcun altro parli... e che dalla sanita' si passi ad altri fronti. Ora sappiamo come la nostra classe politica amministrava, vogliamo vederci chiaro in altre vicende, centro oli incluso.

Luca Pantaleo said...

Ci vorrebbe, in effetti, una mega ondata di pentiti, o per meglio dire "collaboratori di giustizia". Allora si verrebbero a scoprire le malefatte di tanti personaggi insospettabili, o sopsettabili ma intoccabili. Quelli che truccano i concorsi, che raccomandano a destra e sinistra, che utilizzano il potere come strumento di salvaguardia degli interessi personali, che credono che entrare in politica significhi "fare carriera", anziché mettersi al servizio della res publica (letteralmente intesa).

Che si andassero a leggere Platone e Aristotele, cose scritte tremila anni fa, ma non ancora comprese...