.

.

Tuesday, March 16, 2010

L'Abruzzo - l' avventura della vita


Qui l'articolo del Times

Per caso mi imbatto oggi in un articolo del Times di Londra, sulle DIECI AVVENTURE PIU' BELLE DELLA VITA. Al numero otto:

UNA VISITA IN ABRUZZO

Dice che siamo l'Himalaya d'Europa. Siamo stati scelti come posto da visitare IN TUTTO IL MONDO. Non c'hanno messo la California, le Maldive, Parigi o l'Irlanda. C'hanno messo l'Abruzzo, il parco nazionale, Barisciano, le nostre montagne.

Gia' ci sono stati diversi articoli di stampa sul'Abruzzo - sospeso fra il Tibet e la California, dall vita genuina, coi vini buoni etc etc. E noi siamo qui a pensare al petrolio???!!!

Roba da matti.

Ecco la lista delle 10 avventure della vita, secondo il Times di Londra:

1) Navigare lungo il fiume Tatshenshini nello Yukon (Alaska) con ghiacciai e animali selvaggi

2) Guidare da Cairns a Broome in Australia lungo Savannah Higway e attraversare 14 parchi nazionali

3) Un safari al Kilimangiaro

4) Un viaggio nel deserto del Marocco

5) Un soggiorno nella regione Galizia in Francia

6) Un viaggio lungo il fiume Mekong in Thailandia

7) Un viaggio ad Antigua, Guatemala

8) Un viaggio nell'Himalaya d'Europa - l'Abruzzo

9) La transiberiana

10) Un viaggio lungo le Ande

------------------------

Travel is fatal to prejudice, bigotry, and narrow-mindedness, and many of our people need it sorely on these accounts. Broad, wholesome, charitable views of men and things cannot be acquired by vegetating in one little corner of the earth all one's lifetime. -- Mark Twain


Non potrei essere piu' d'accordo con queste parole di Mark Twain. Grazie al mio lavoro e al fatto di essere cresciuta fra due nazioni, ho potuto viaggiato un pochino, interagire con persone di culture diverse, e vedere come vivono gli altri. E aggiungerei, che viaggiare non solo ci rende piu' aperti e piu' comprensivi, ma ci fa anche apprezzare e amare di piu' e in maniera sana chi siamo e da dove veniamo.

Paradossalmente io penso che e' perche' non hanno quasi mai lasciato l'Abruzzo che molti Abruzzesi - specie la classe politica - non si rendono conto di quello che abbiamo e non capiscono che vale la pena spendersi per salvare e migliorare l'Abruzzo. La vacanza nel villaggio italiano di Sharm el Sheikh non vale!

La nostra regione e' bella e unica, e va difesa, protetta, amata. Non in maniera campanilistica, ma rendendoci conto dei problemi che abbiamo, affrontandoli, e cercando di migliorare, perche' il nostro patrimonio e la nostra storia lo meritano.

L'Abruzzo fisico non ha nulla da invidiare a nessun'altra parte del mondo. Quello che ci manca purtroppo e' una moralita' maggiore e la consapevolezza che il cambiamento e il miglioramento parte da ciascuno di noi.

Quando avremo capito tutto questo, allora saremo pronti non solo per la difesa dell'ambiente, ma per una societa' piu' giusta, piu' onesta, piu' pulita, oserei dire piui' prospera. Noi stessi possiamo crescere come persone, come cittadini, in modo che la prossima generazione possa vivere senza i Nicola Fratino, i Remo di Martino, gli Ottaviano del Turco di turno e tutta la banda di politici ignoranti e dalle visioni limitate che hanno voluto quel posto solo per il proprio tornaconto.

In Abruzzo, nessuno ha parlato di questo articolo. Abbiamo una valanga di gente pagata per curare il turismo, la stampa, l'ambiente. Possibile che in questi uffici nessuno abbia letto il Times di Londra? Il piu' importante giornale britannico. E torniamo allo stesso punto di partenza. Secondo me chi siede in quei posti - assessori al turismo, all'ambiente, adetti stampa - nemmeno lo sanno che alla mattina dovrebbero sedersi e leggere cosa succede nel resto del mondo. Secondo me non sanno neanche l'inglese. Al massimo leggeranno il Centro d'Abruzzo - che va letto pure quello, ma non solo.

Intanto si piange perche' la globalizzazione fa chiudere le fabbriche, e la gente resta senza lavoro. La globalizzazione - che ci piaccia o no - a questo punto non la possiamo fermare. Quello che possiamo fare invece e' di usarla a nostro favore. Sapete quanta pubblicita' e quanti turisti potremmo attrarre da un'articolo del genere? Qui a Los Angeles l'altro giorno ho visto la pubblicita' per andare a fare le vacanze in Macedonia!!

Ma Gianni Chiodi tutto questo non lo sa. Non gli importa. E' contento di andare a Sharm el Sheik mentre pensa a come fare per affondare la testa nella sabbia anche qaundo sta in Abruzzo.

Fonti: Times di Londra

4 comments:

supertramp said...

ma di cosa ti scandalizzi maria rita...? leggi qui:

La lunga Pasqua dei politici: 42 giorni di ferie in Abruzzo

E tutti i problemi aperti? Amen. E le cose indispensabili in questi tempi di crisi? Amen. E gli interventi per la ricostruzione dopo il terremoto? Amen.

fonte:
http://www.corriere.it/cronache/10_marzo_19/La-lunga-Pasqua-dei-politici-42-giorni-di-ferie-in-Abruzzo-gian-antonio-stella_f3d3f2b2-3329-11df-82b0-00144f02aabe.shtml

elisa said...

non c'è speranza con loro, solo una mobilitazione apolitica e apartitica di persone consapevoli può salvarci, una mobilitazione esclusivamente civile...così vediamo se la smettono di legiferare a ca.... Certo, quando sono liberi da impegni e non sono stanchi, poverini!!

supertramp said...

http://2.bp.blogspot.com/_dxPyvn0z5KE/S6PMOoa2RAI/AAAAAAAAA_0/4FzXLx6lcpk/s1600-h/si+abruzzo.jpg

copiate - distribuite - affiggete!!!

FR:D said...

fino a quando non diamo le spalle a questa classe politica o non li togliamo dalle loro poltrone questi faranno solo finta di lavorare, molti borghi anche fuori dal cratere sono in stato di avanzato degrado sia per restauri fatti male che per incuria e abbandono. dove sono i nostri politici bellocci e rileccati? strategie di riconversione zero...solo nel teramano vedo qualche barlume...